Il serpente e la rosa…Eravamo io e lui. Era la testimonianza incancellabile del fatto che il nostro incontro aveva cambiato qualcosa. Anzi no, non qualcosa.Noi.

 

 

 

Titolo: Green Snake
Autore: Sagara Lux
Serie: The darkest night #3
Genere: Romantic suspense

La serie:

1) Black Rose

2)White Shark

3)Green Snake

 

 

 

SINOSSI

“Mai cominciare quello che non puoi terminare.”

Lilian Leroy è cresciuta all’ombra di sua sorella.
Non ha mai dovuto assumersi alcuna responsabilità e non ha mai dovuto combattere per nulla.
Ma ora le cose sono cambiate.

Abigail Leroy  è sopravvissuta all’inferno.
Il suo corpo ha trovato il modo di tornare a casa, ma il suo cuore è rimasto prigioniero dell’amore velenoso che Dmitry Kozlov ha instillato dentro di lei.
Desidera giustizia. Pretende vendetta.
Ed è per questo che impone a Lilian di fare una scelta.

Esistono diverse strade per arrivare a uno stesso obiettivo, ma tutte paiono passare attraverso la stessa persona. La più pericolosa. Quella che possiede il nostro cuore.
Quella che ci viene chiesto di distruggere.

 

Recensione

Care Dame, oggi è per me un grande piacere parlarvi dell’anelato capitolo finale della meravigliosa trilogia romantic suspense “The Darkest Night” di Sagara Lux, autrice che seguo fin dalla sua prima pubblicazione e che continua a emozionarmi e avvincermi alle sue storie in modo totalizzante.

Lo stile e l’abilità di Sagara Lux sono favolosamente immutati: bastano una manciata di parole per immergersi pienamente nell’atmosfera di Green Snake che si tinge di mistero e oscurità fin dalle prime battute.

La storia vi catturerà fino alla fine quando ogni tessera del mosaico intessuto a partire  dal primo libro, troverà il proprio posto come i pezzi su una scacchiera, pronti per una nuova partita.

Avevamo lasciato sia Dmitry e Abbie che Sergej e Lily in bilico su un futuro incerto: Abbie fuggita e Dmitry furioso per aver trovato una donna in grado di fargli perdere il controllo.

Volevo che Abbie fosse mia. Volevo spogliarla. Volevo piegarla. E poi volevo guardarla mentre, in ginocchio davanti a me, assecondava ogni mio capriccio.

tracknumber-6: “??? ”

Una Lily risoluta a dover prendere in mano le redini di una situazione che la stava schiacciando e Sergej determinato e disposto a rimettersi nelle mani del demone dei propri incubi, pur di proteggerla…anche da se stessa.

 Avrei fatto qualsiasi cosa pur di tenere Lilian al sicuro. Avrei persino condannato me stesso.

E fra tutti loro, il comun denominatore, effige del male assoluto in questa appassionante serie: Petyr Smirnov. In una distesa di grigi, egli rappresenta il vero “cattivo” per eccellenza. Odiarlo e volerlo morto è tutt’uno, non vi sono attenuanti per lui!

Sergej e Lily in queste coinvolgenti pagine, tornano ad essere puro fuoco, il loro è un sentimento che nonostante tutti i pericoli e le verità taciute, è pronto a lottare per vincere la possibilità di poter avere un futuro. È impossibile non amarli e non fare il tifo per loro.

 Io e Lilian condividevamo qualcosa di unico…Quando due anime come le nostre si incontravano non esistevano angeli, né demoni in grado di separarle.

l’amore che Sergej mi stava mostrando…Era un amore puro. Totalizzante. Distruttivo. Il tipo di amore che si incontra una volta soltanto.

???

Le scene che li vedono coinvolti, sono intense, permeate da una sensualità calda ed avvolgente in cui la passione crepita e la tensione erotica è sempre alta, nonostante l’oscurità insita in Sergej ammanti tutto di pericolose ombre.

Non mi diede il tempo di replicare. Mi aggredì con un bacio che sapeva di mille emozioni insieme, che mi stupì e stordì allo stesso tempo…

pensieridizuccherofilato: “❤️ ”

 Ci guardammo. E mi ritrovai a serrare forte le mascelle, vittima del desiderio più violento che avessi mai conosciuto, perché Sergej non era solo bello. Non era solo desiderabile. Lui era mio.

 Si chinò su di me e mi baciò le labbra….Mentre mi scopava sempre più forte, inghiottendo i miei gemiti, portando al limite estremo il mio corpo, amandomi e adulandomi come nessun uomo aveva mai fatto prima di allora…

 

 

Dmitry e Abbie continuano ad incarnare una sfida fra titani, ma è lampante come lo Squalo e la Regina, adesso, siano sottilmente consapevoli di quanto vi sia nel piatto, oltre ad una mera supremazia: un sentimento è riuscito a nascere, sfuggendo al controllo di entrambi ed è destinato a stravolgere i loro piani!

 Era una regina perversa quella che mi tormentava la mente; una creatura che mi accorsi di desiderare con ogni mia forza. 

Il contrasto fra le forti personalità e il torbido desiderio che li avvince, rendono l’atmosfera fra loro perennemente elettrica dando vita a momenti in cui l’apparente ghiaccio, diviene incandescente come un geyser.

 Infilò una gamba tra le mie e mi costrinse a percepire quanto rovente e reale fosse il desiderio che aveva di me….E mi baciò, togliendomi il respiro.

La dominai in ogni modo che conoscevo – con lo sguardo, col sesso, con le minacce. La presi dapprima in maniera rude, poi lenta. La portai al limite per il solo gusto di farle capire che ero io a comandare.

Grazie ai sapienti ed impeccabili pov che danno voce a tutti e quattro i protagonisti, è facile immergersi nei pensieri e sentirsi scorrere sotto pelle le loro vibranti emozioni.

 Non meritavo quella donna, né il suo amore. Ma nonostante questo mi accorsi di volere tutto di lei, e di non avere mai desiderato nient’altro con una tale intensità.

Il simbolismo presente in queste bellissime pagine è affascinante:
Una rosa nera continua ad incarnare l’emblema del giogo del male, così come un Serpente che stringe fra le proprie fauci una rosa bianca, rappresenta una nuova vita purificata da esso;
Un biglietto aereo che continua a mutare data, assume il significato di un desiderio irrefrenabile, così come un volo onirico, spalanca le porte a una verità taciuta da troppo tempo, una verità dolorosa e dalla potenzialità devastante.

L’utilizzo di una lingua spigolosa come il russo, dona un tocco in più alle scene. Infatti come nei libri precedenti, sa divenire tagliente come una lama ma anche sottolineare la passione e la dolcezza.

 Kapriznaya koroleva» ripeté dopo un momento di silenzio. «Una“regina capricciosa”. È questo che sono per te?» No. Tu sei molto di più. Sei l’unico pezzo che non sono in grado di sacrificare. L’unico che voglio tenere sulla scacchiera accanto a me.

In questa trilogia non vi sono cambiamenti repentini, ognuno dei protagonisti non perde la cifra distintiva che lo ha caratterizzato fin dall’inizio. E tutti i personaggi sono supportati da un profilo psicologico solido e ben calibrato, apparendo vividi,quasi  pronti a valicare le pagine.

Dmitry è -e sarà sempre- uno scaltro Squalo ed Abbie una Regina orgogliosa, ma la vita ha insegnato loro, che cedendo il controllo e lasciandosi andare si può trovare qualcosa di infinitamente più prezioso.

Anche Lily e Sergej rimangono fedeli a se stessi. Lei, testarda e coraggiosa, rappresenta una sorta di stella polare, una luce che gli ha impedito di smarrirsi nelle tenebre che lo fagocitavano.
È grazie al suo Amore che Sergej ha potuto trovare la forza per lottare e tornare a sperare nel futuro.

Ed è proprio lui, Sergej, fra tutti e quattro i protagonisti, a donare maggiore intensità alla storia.
Sono suoi i pov che mi hanno maggiormente emozionata.
Sa essere un sicario implacabile, ma è anche un sopravvissuto, un uomo forte che si è visto strappar via tutto in tenera età, ed è la sua vulnerabilità a toccare le corde del cuore.

 C’erano momenti in cui amavo Lilian per il modo in cui mi faceva sentire. Ma ce n’erano anche altri in cui avevo paura di quel che sarebbe stato di me se avesse smesso di guardarmi.

Sergej e Ioann sono, infatti, due facce della stessa medaglia, l’emblema di un dualismo affascinante e al contempo pericoloso, specie quando la morte reclama la propria libbra di carne.

Il cammino per raggiungere gli obiettivi sarà impervio per tutti loro e lastricato di pericoli.
Vi saranno colpi di scena, sacrifici e dolorose perdite prima di poter anche soltanto sperare in una nuova alba che scacci le tenebre.

Inoltre, le sorelle Leroy saranno messe a dura prova. Sarà il loro legame abbastanza saldo da non venir preso ostaggio, dalle decisioni azzardate prese da ambedue?
E avranno al loro fianco uomini capaci di credere i legami familiari una risorsa e non un ostacolo?

Fra i personaggi secondari, ci tengo a menzionare Ruslan, la cui caratterizzazione mi ha profondamente colpita. Egli, in linea con la storia, non è una figura positiva, avendo molti peccati sulla propria coscienza, ma nel corso dei tre libri, ha spesso assunto le sembianze di un angelo custode, un rigido ma orgoglioso mentore e, perfino la cosa più vicina a un padre che possa aver avuto Sergej.

The Darkest Night è una trilogia meravigliosa, appassionante e travolgente.
Ho amato Black Rose, White Shark mi ha irretito e Green Snake mi ha emozionato e coinvolto.
La mia preferenza va a Sergej e Lily, per la passionalità che contraddistingue il loro legame, ma devo dire che in Green Snake, anche Abbie e Dmitry mi hanno piacevolmente stupito….e forse forse… un certo Squalo si è riabilitato ai miei occhi.

Non mi resta che lasciarli andare sapendo che resteranno nel mio cuore.

E  voi, cosa state aspettando? Correte a leggere questa fantastica serie!

Alla prossima!

Mary

Storia

 

 

Eros