📽 🎞
Per celebrare l’arrivo sul piccolo schermo grazie alla piattaforma Passionflix di una serie dedicata alla trilogia THIS MAN e di un film su THE PROTECTOR

(Vi rimandiamo al nostro articolo )

Jodie Ellen Malpas, l’autrice che ha dato vita al Lord del Maniero Jesse Ward e a The Protector Jake Sharp, ha regalato una gustosissima scena inedita extra ai suoi fans immaginando uno spassosissimo incontro tra i suoi maschioni alpha.

Jesse e Jake nella stessa stanza…

Enjoy ladies

#JesseAndJake #WhoAreYou? #AndWhoTheHellAreYou?

 

Jesse e Jake si incontrano

Tosca, Joany e Jina stavano sedute presso il quartier generale della PassionFlix, pensando alle eventuali opzioni per il lancio. Era stata una lunga e faticosa giornata di conteggio degli audience, ascolto di uomini sexy fuori dal comune e, in generale, a sbavare sugli attori maschi nel tentativo di limitare la loro ricerca a vantaggio del prossimo progetto PassionFlix. Erano esauste e più che pronte per una vodka. O dieci.

“È sicuramente uno di questi tre”, disse Tosca, mentre l’ultimo provino si riavvolgeva e portava i portfolio finali all’attenzione di tutti.

Joany tamburellò la punta del dito indice sul tipo in mezzo, un misto di emozione ed eccitazione che scorrevano attraverso di lei. “Lui” disse sognante, un piccolo sospiro le sfuggì. “È perfetto per il ruolo”.

Jina ridacchiò mentre raccoglieva i file e li riordinava in una pila accurata. “Non devi scegliere, Joany. Quello è il lavoro dei fondatori.”

Le tre donne si rimisero in piedi, andando a cercare quella famosa vodka, quando la porta della sala riunioni si aprì, catturando gli sguardi della stanza.

Ognuno di loro fisso e imbambolato, e ognuna di loro aveva perso del tutto il controllo dei muscoli della mascella, le loro bocche stavano spalancate in modo tutt’altro che sexy.

Tosca ansimò.

Joany sussurrò.

E Jina cominciò a sbattere le palpebre rapidamente, certa di avere le allucinazioni.

Perché un uomo bello in modo così devastante non poteva esistere. Eppure era lì, in carne e ossa, davanti a loro – con il suo fisico alto e possente, i suoi capelli biondo scuro che sembrava avesse tentato di domare in qualche modo con un rapido passaggio di gel e il verde pericolosamente intenso dei suoi occhi.
Quest’uomo era talmente splendido, da far quasi male.
Il loro sangue ribollì, i loro corpi tremarono, e i loro cuori si misero a battere veloci, tutte immediatamente ridotte a un ammasso informe di stupore.

“È così …?” Sussurrò Joany, la sua voce nient’altro che un soffio di desiderio.

“Non ho mai visto niente di simile.” Jina respirò, sbattendo le palpebre ancora, come per cancellare la sua visione. Ma l’uomo rimase ancora sulla porta, trattenendo le donne sul posto con il suo sguardo smeraldo.

“Um … possiamo …” Tosca si schiarì la voce, raddrizzandosi mentre tentava di trovare attraverso la testa vuota parole da dire, qualsiasi parola da dire. “Possiamo aiutarti?”
Un colpo di gomito rapido al braccio delle amiche per scuotere anche loro dalla ridicola inerzia, e Jina e Joany si raddrizzarono, facendo saettare i loro sguardi increduli dall’una all’altra.

“Amo il mio lavoro.” Joany sussurrò l’angolo della bocca, ad un tono di voce sufficiente a farsi sentire solo da Tosca e Jina.

L’uomo aggrottò le sopracciglia, le linee sottili che increspavano la sua fronte perfetta, mentre concentrava la sua attenzione su ogni donna. “Quindi siete in tre a capo di questa attività, PassionFlix, di cui ho sentito parlare?”

“Sì.” Jina si riscosse tutti, ma era certa che le sue ginocchia stavano per abbandonarla da un momento all’altro.

L’uomo annuì con decisione e prese a misurare tutta la stanza con lunghe e sicure falcate, diretto ad una chaise longue, abbassando il suo corpo fino ad incastrarsi con eleganza sulla seduta mentre le donne seguivano ogni suo passo, aspettando che confermasse la sua identità.
Aveva presenza.
Una presenza intensa, pura magnificenza quasi appartenesse ad un altro mondo.

Spostando il colletto della camicia di Ralph Lauren in su, guardò attentamente la stanza davanti ai suoi occhi verdi ed ipnotizzò tutte e tre le donne. Tutte si sentivano come se potessero scoppiare in fiamme di lussuria ogni volta che gli occhi verdi scintillanti di quest’uomo si posavano su di loro.

Lui. Era. Divino.

Nel tentativo di ricomporsi, Tosca si rimise a sedere e gettò un rapido sguardo alle sue colleghe perché riprendessero un contegno, cosa che fecero in fretta, anche se i posteriori di Joany e Jina scesero sulle loro sedie con un bel colpo in un lampo.
“E tu sei?” Jina alzò la testa, combattendo violentemente con i suoi occhi il desiderio di concentrarsi sul petto largo e sui bicipiti evidenti che erano nascosti sotto il tessuto della sua polo.

“È lui, lo so.” Sussurrò Joany, le mani si strinsero sul tavolo. Voleva toccarlo. Per assicurarsi che fosse reale.

Sul volto dell’uomo aleggiò una parvenza di un sorriso pazzesco, il gomito appoggiato sul bracciolo della sedia, il dito indice sfiorava leggermente il suo arco di cupido in modo seduttivo. Jina provò a indovinare è azzardò che la peluria che ricopriva il volto bellissimo di questo uomo fosse di circa tre giorni, e lei era disposta a rasarlo proprio in quel momento e passare i prossimi tre giorni con lui a confermarlo.

Gli occhi verdi scintillanti di consapevolezza, lasciò che la parvenza di un sorriso si diffondesse sul volto, come se fosse riservato a quello che stavano pensando.
Era bello.
Quasi arrogante.
E lo rendeva ancora più sexy. “Mi chiamo Jesse Ward.”
Parlava tranquillamente, il tono ruvido, e tutte e tre le donne tremarono alla conferma, come se le sue parole solleticassero la pelle. “Ma molte persone mi chiamano” Il Lord “.”

I respiri di Tosca, Joany e Jina si fecero rumorosi e affrettati, impossibili da nascondere, cosi da rendere il sorriso di Jesse Ward ancora più aperto sul volto.
Era un dio.
Lo sapeva.
Tutti al vederlo lo sapevano.
Le aveva instupidite, e il suo ego ne godeva.

“Oh mio Dio.” Tosca si irrigidì sulla sedia, con gli occhi spalancati e incapace di allontanarsi da quella bestia favolosa di uomo.

“Fa improvvisamente più caldo qui.” Jina iniziò a girare il viso con la sua caffetteria.

“È ancora più sexy in carne e ossa.” Joany era accanto a lei, praticamente vibrava sulla sua sedia in una miscela di stupore e di eccitazione. “Spero che sia qui per fare amicizia.”

Tosca quasi soffocò, il solo pensiero di ciò di cui quest’uomo era capace in camera da letto accresceva la sua fantasia “Sento improvvisamente che il buonsenso mi sta abbandonando . Dovrebbe scoparmene un po’ .”

“E credo di dovergli delle scuse.” Jina aggiunse, con la testa inclinata nella contemplazione mentre gli occhi si avvicinavano all’inguine.

Le tre donne avevano chiuso le loro bocche quando Jesse si schiarì la gola, zittendole. “Quindi ho sentito dire che volete mettermi sullo schermo.” Le sue sopracciglia si alzarono e Tosca suppose che fosse di avvertimento. Aveva sentito parlare della reputazione del Lord, tutti sapevano che il suo ego era grande come Londra. Fottutamente enorme. Significava roba di affari.

Riassettandosi l’orlo del vestito, si aggiustò i capelli dietro le orecchie e riservò uno sguardo aJesse Ward. Affari.
“Esatto.”

“E per volere di chi?” Domandò, senza aver mai distolto lo sguardo intenso da lei.

“Del tuo creatore, signor Ward.” Sentì che non ne era contento, e si chiese se Jodi stava per essere asfaltata. ‘”Jodi ha firmato il contratto. Se hai un problema, ti consiglio di prendertela con lei.” Tosca stava mentalmente prendendo il suo telefono nella borsa per chiamare Jodi e farle uno squillo. Era certa che Jesse Ward stava per fare una spedizione punitiva.
Quello che non sapeva, però, era se provare un gran timore per Jodi, o invidia.

“Oh, non ho alcun problema a riguardo.” Jesse rispose in modo casual, facendo passare una mano attraverso i suoi capelli biondo scuri, spettinandoli un po ‘di più.

Tosca alzò gli occhi al cielo quando sentì Joany e Jina sospirare da entrambi i lati. Pensò ci fosse bisogno un po’ di autocontrollo, perché il famigerato Jesse Ward aveva reputazione di ottenere sempre quello che voleva, e non aveva intenzione di lasciarlo entrare lì e calpestare tutti i loro piani per …

Il suo pensiero si bloccò non appena realizzò quello che aveva appena detto e registrato nella sua testa sconvolta. “Non ti dispiace?”

Lui scrollò le spalle con aria noncurante. “Certo che no.” Jesse si alzò, sollevandosi lentamente in tutta la sua statura, e gli occhi della donna seguirono lentamente. “Alle donne non basto, mi vogliono ancora.” Un”altra scrollata di spalle, sostenuta da quel sorriso adorabile e sconcertante. ‘Cosa posso dire?’

“Conto alla rovescia.” Joany esordì senza pensarci, rapidamente schiaffeggiandosi la mano sulla bocca per impedire che parole inadeguate fuoriuscissero.

Ward sorrise tra sé e sé mentre si avvicinava al tavolo dove erano tutte sedute, appoggiando i palmi sul legno e chinandosi in avanti per arrivare al loro livello. Tutte si misero composte sulla seduta, come se mettere più spazio tra loro e Jesse Ward avrebbe potuto rendere più gestibile il suo aspetto splendido in modo illegale.
No, non lo fece.
Erano condannate.

“Signore”, riprese, i suoi occhi continuavano a scivolare avanti e indietro su tutte e tre in continuazione. “Ho una reputazione. Sono un dio tra gli uomini. ”
Tutte le loro teste scuotevano incredule dolcemente mentre lo osservavano, con occhi sognanti. Erano sotto il suo incantesimo. Avrebbe potuto chiedere qualsiasi cosa in quel momento e tutte sarebbero state d’accordo. “Dubito che troverete un attore sexy come me, ma provate” ordinò. “Provate veramente, con impegno.” Si raddrizzò mentre annuivano in accordo. “Nessuna fighetta … , tantomeno. E assicuratevi sapoua contare all’indietro.” Si chinò, riflettendo ancora. “E deve avere un enorme …”

Jesse fu interrotto quando la porta si aprì di nuovo, e si allontanò da Tosca, Joany e Jina, tutte allungarono il collo per vedere oltre il suo grande corpo chi era entrato.

Senza fiato, a bocca aperta. E non solo le donne. Jesse cominciò a fremere visibilmente, mentre il petto si alzava e abbassava come un orso minacciato. Grugnì, mettendosi in piedi, raddrizzando le spalle e sciogliendosi il collo.

“Oh mio Dio, questa giornata continua a dare e dare soddisfazioni.” Joany disse a bassa voce, con gli occhi fissi su un altro dio nella stanza.

“È chi che credo sia?” Mormorò Jina, catturando con lo sguardo la visione che riempiva la porta.

Non c’erano altri in giro; avevano appena trascorso tutto il giorno a sbavare su attori incredibili, ma questo … proprio lì, queste due creature così brillanti e così splendide e così vicine, a portata di mano, allo stesso tempo, bastava a mandare fuori di testa una donna con una certa dignità e a farla annegare . E Tosca, Joany e Jina erano proprio nel bel mezzo di una marea epica. Era troppo. Jesse Ward, e adesso …

Scrutando la stanza, l’uomo fece scivolare le mani nelle tasche dei pantaloni del vestito, in un certo senso affatto sconvolto dall’atteggiamento brusco di Jesse Ward. Aveva un alone di tranquilla sicurezza che lo circondava, la fiducia in se stesso mescolata a un magnetismo innegabile. I suoi capelli scuri spruzzati di grigio sulle tempei, i suoi occhi scuri scintillanti e avanzava con nonchalance nella stanza.

Gli occhi delle donne seguirono ogni passo, mentre desideravao un altro scorcio di Jesse Ward. Il loro cervello era nel caos, non sapendo quale maschio ammirare.

“Chi cazzo sei?” borbottò Jesse, squadrandolo dall’ alto in basso.

L’uomo si voltò, rivolse lo sguardo su Ward e restituì il suo gesto, facendo scivolare i suoi occhi scuri su e giù su Ward, con un atteggiamento sicuro. “E tu chi cazzo sei?”

La tensione stava salendo alle stelle, l’atmosfera improvvisamente pesante. Era uno show di testosterone puro, e Tosca, Joany e Jina stavano sedute sulle loro sedie e ne approfittavano per godersi lo spettacolo.
“È sicuramente lui.” Jina sussurrò a mezza bocca, indicando con la sua penna il torace dell’uomo, un sorriso allegro che cresceva mentre lanciava uno sguardo pigro sul suo amico. “È Jake Sharp.”

Tosca e Joany si tirarono su, lottando per controllare l’eccitazione. “The Protector”, sussurrarono insieme, beandosi del piacere della vista.

Sesso su gambe. Due di loro. La temperatura della stanza era a limite del soffocamento. Faticavano a respirare.

“Aspetta.” Jesse si mise a ridere, anche se era leggermente a disagio, il dito si agitava in aria, ad medicare il petto di Jake, che, francamente, Jesse pensava avesse bisogno di un altro po’di esercizio. Senza dubbio era piazzato, ma un paio di riprese sulla panca non sarebbero state una cattiva idea. “Sei Jake Sharp?”

“Esattamente.” Jake si voltò verso le signore, ignorando l’animosità di Jesse. “Ho ricevuto una soffiata, che avete intenzione di fare un film su di me”.

“Sissignore”, rispose Joany, con gli occhi da pesce.

Tosca recuperò un file, preparandosi mentalmente il suo discorso, in caso Jake Sharp avesse avuto da ridire. “Abbiamo qui il contratto”.

“Be ‘, il capo è Jodi.»” Lui scrollò le sue grandi spalle, mentre Jesse sbuffò, attirando l’attenzione di Jake. Fu allora che Jake realizzò.
Sorrise, anche se non era un sorriso amichevole. “Sei Ward”.

“Esattamente.” Jesse si raddrizzò, con gli occhi ridotti a fessura sulla guardia del corpo. “Oppure puoi chiamarmi “Il numero uno “.”

Jake rise sommessamente scuotendo leggermente la testa. “Secondo chi?”

“Ha scritto prima la mia storia.” Jesse non stava ringhiando, ma ci era abbastanza maledettamente vicino. Aveva sentito in giro che Jodi aveva continuato a creare altri uomini pronti a sconvolgere le donne, e lui non ne era affatto contento. Fintanto che si ricordava di quale uomo quella piccola testolina avesse immaginato per primo, poteva risparmiarsi una strage.

Jake, freddo come il ghiaccio, annuì, come se acconsentisse, le sue labbra imbronciate mentre si strofinava con la mano la mascella. Stava pensando, e stava per essere sarcastico. “E lei ti ha riservato tre libri, giusto?”

“Giusto.” Galvanizzandosi dentro di sé, Jesse continuò. “Mi ha anche dato Il Maniero”. Non aveva detto poi a Jake Sharp che Jodi gli aveva anche dato un grosso cazzo e la possibilità di usarlo.
La sfida era aperta, si faceva sul serio.

‘Oh, il club di sesso per ricchi e bellissimi? Ne ho sentito parlare. ” Casualmente, e forse un po’ energicamente, Jake spazzò un granello di polvere dalla spalla della giacca del suo vestito, inspirando profondamente. Poi lanciò lentamente uno sguardo deciso su Ward. “Ma lei non ti ha dato una pistola, vero?”

Ward scattò , rapidamente si avvicinò, il petto incontrò quello di Jake.
Oh, adesso si faceva davvero sul serio. ‘Mi stai minacciando?’

Inclinando la testa a lato di un minimo, Jake strinse gli occhi un po ‘, non amava l’atteggiamento di quest’uomo. Sì, aveva sentito parlare di lui. Sì, era il primo di Jodi. Ma sapeva che non poteva sparare con una pistola, e la Heckler di Jake si stava facendo sentire proprio in quel momento contro la schiena, con un prurito inconfondibile, chiedendo di essere afferrata e puntata su quel coglione cazzone arrogante, e farla finita, cazzo. Non era certo intimidito.

Petto-a-petto, Jake applicò più pressione, pronto a non tirarsi indietro, mettendo il viso più vicino, i loro nasi praticamente si toccavano mentre si misuravano e sfidavano l’uno all’altro. “So che il mio film viene prima della tua serie televisiva”, aggiunse Jake, prendendo in contropiede Jesse. Tuttavia Jesse non demordeva, anche se Jake poteva vedere il lampo di sorpresa nei suoi occhi verdi, a conferma che era una novità per il Lord del fottutissimo Maniero.

Jesse sorrise. “Ho più tempo in onda di te. Una serie televisiva. Tanto di più di me.”

Jake mostrò completa indifferenza. “Sono più di un tipo” Vai-e- fai- quel- che- devi “.” Sorrise. “Inoltre, ho più bang-bang rispetto a te.”

Jesse si mise a ridere, guardando lontano mentre si pizzicava il ponte del naso. “Ne sei sicuro, amico?” Riportando gli occhi ridenti su Jake, sollevò la testa. “Stai dimenticando che ho un club del sesso”.

Il contest maschile vediamo-chi-ce-l’ha-più-lungo fu interrotto quando le tre ragazze si rialzarono nella stanza, smorzando le impennate di testosterone.
” E adesso, ragazzi.” Tosca si alzò e calamitò l’ attenzione tra i due ego-maniaci. “Basta.” Camminando da dietro il tavolo, si intromise tra i due uomini per dividerli prima che si sciogliesse l’infero, ma dovette presto ritirare le mani dai loro petti, la sensazione di cose così nitide e solide sotto ogni palmo rischiava di mandare in tilt nuovamente il suo cervello. “C’è tempo sufficiente per entrambi. Ora, stringetevi la mano e smettetela di essere così egoisti.”
Li sondò con uno sguardo attento e fiducioso, ma, a dire la verità, stava tremando dentro di lei. Questi due uomini erano formidabili, ognuno di loro, preso singolarmente. Insieme, erano elettricità pura.

Jesse offrì per primo la sua mano, e Jake accettò docilmente. “Buona fortuna” borbottò Ward.

“Sì, ​​anche a te.'”

Tosca puntò verso la porta, sollevata. “Ora, se non vi dispiace, abbiamo dà lavorare sulla passione. Saremo felici di avervi sul set in qualsiasi momento”.

“Bene”. Jesse si avviò verso la porta, guardandosi indietro, sulla spalla. “Ho una reputazione da mantenere. Voglio essere sicuro che qualsiasi sia l’ attore che avrà la fortuna di interpretare me sia adatto al ruolo”.

Jake rise sommessamente, seguendolo. “A me basta che il mio sappia tenere una pistola in mano correttamente.”

“Consideralo fatto”, dichiarò Jina, fissando il culo di Jake mentre si allontanava.

Nel momento in cui la porta si chiuse dietro i due uomini eccezionali, le donne di PassionFlix rimasero a fissare per solo pochi minuti il legno, ognuna delle loro menti cercava di elaborare ciò che era appena sceso.

Non potevano. Jesse Ward e Jake Sharp nella stessa stanza contemporaneamente? Tutto l’ossigeno era stato risucchiato dallo spazio, rendendo la respirazione sempre più difficile, anche ora che gli uomini erano usciti.

“Wow” disse Joany scuotendo la testa con incredulità. “Lui davvero è uno schiacciasassi. Ma, dannazione, quell’uomo potrebbe farmi qualsiasi cosa e io lo perdonerei”.

“E voglio che Jake mi protegga.” Jina crollò, abbassando la testa sulle braccia, sul tavolo. “E offrimi una banana”.

Tutte si misero a ridere e raccolsero le loro borse, dirigendosi verso il bar per prendersi la vodka che si erano ripromesse, cosa che ora era necessaria più che mai.

Avevano molto da fare prima di iniziare le riprese di THIS MAN e THE PROTECTOR, ma per ora, dopo quell’incontro inaspettato con Jesse The Lord Ward e Jake The Protector Sharp, avevano bisogno di alcol e tempo per elaborare quello che era successo. Le loro teste erano piene e confuse, ma sapevano una cosa …

La passione era dietro l’angolo.

© All rights reserved to J.E.Malpas www.jodiellenmalpas.co.uk/

© Traduzione a cura di Harem’s book