Titolo: Il filo che ci unisce
Autore: Elisabetta Barbara De Sanctis
Editore: Youfeel Rizzoli
Genere: Romance
Data di pubblicazione: 31/03/2017
Versione: e-book
Prezzo: € 2,99
ASIN: B06XY99XXN

Link per l’acquisto:

Trama

La vita di Laura è perfetta: una laurea in tasca, un lavoro in un prestigioso studio di consulenza, un’amicizia, quella con Paola, che dura dai tempi dell’università, e un grande amore, Luca. Ma la vita è tutt’altro che perfetta. Così una mattina basta una piccola discussione, una scelta dettata dalla paura, una parola sbagliata e dopo poche ore Laura si ritrova a vivere lo strazio di una vita senza il suo compagno, che giace in coma a seguito di un incidente. È l’inizio di una lotta, contro la morte che assedia Luca e contro i sensi di colpa che divorano Laura. Un’unica certezza a cui aggrapparsi: la notte, la presenza di Luca nel loro letto, il suo respiro. Ovunque sia, infatti, Luca ogni notte la cerca, e i due si trovano, si amano, oltre ogni dubbio, al di là di ogni logica…

“Il filo che ci unisce” è il racconto tormentato ma ricco di speranza, del legame indissolubile e indistruttibile di due anime destinate ad appartenersi. Mood: Emozionante

Biografia

Elisabetta Barbara De Sanctis vive in provincia di Pescara e studia Psicologia. Nella scrittura le piace sperimentare fra vari generi e raccontare principalmente le infinite sfumature del mondo femminile, anche attraverso la poesia. È sposata, ha una gatta che adora viziare, ama i libri, è disordinata, si annoia facilmente e vive sempre divisa tra la realtà e un mondo di fantasia che pullula di storie e personaggi da raccontare.

Oltre al romance IL FILO CHE CI UNISCE Ed. Youfeel Rizzoli, ha pubblicato anche da indipendente il romanzo di narrativa SENZA PIÙ NOME, due raccolte di poesie e alcuni racconti.

È socia di EWWA – European Writing Women Association.

Estratto

«Sapevo che saresti arrivato.»

«Mi aspettavi?»

«Sempre.»

«Ah, sì? Vediamo quanto……» e, senza attendere risposta, le allargò le gambe e le infilò due dita dentro il sesso caldo e già bagnato; solo il tempo di strapparle un gemito e le estrasse, portò le dita alle narici e aspirò il suo odore, socchiudendo gli occhi.

«Il tuo profumo mi fa impazzire, lo sai.» e con le dita ancora bagnate dei suoi umori le accarezzò la curva del collo scendendo poi sulle clavicole, fino a disegnare dei cerchi intorno ai seni. Le avvicinò il viso al collo e la odorò, seguendo con il naso la scia tracciata dalle dita, per poi risalire e fare il percorso inverso con le labbra e infine con la lingua.

«Oh Dio, Luca» ansimò Laura e sollevò d’istinto il bacino perché capisse che lo voleva e che aveva bisogno di lui con una disperazione che le faceva male. Il palmo aperto di lui si soffermò un istante tra i seni, scese con lentezza lungo lo sterno fino all’addome e, quando sentì la morbida curva del monte di Venere, premette appena, spingendola verso il materasso. Era il suo modo di intimarle di stare ferma.

Laura si abbandonò, sapendo che ogni tentativo di provocarlo avrebbe solo prolungato quella dolce agonia, ritardando il piacere che bramava con ogni cellula del corpo. In segno di approvazione Luca lasciò scorrere il pollice lungo la fessura, senza penetrarla, e quella carezza così intima eppure ancora così pudica ebbe il potere di farla vibrare come una corda di violino. Non poté evitare di inarcare un’altra volta il bacino, consumata dall’eccitazione che quelle dita sapevano scatenare nella sua carne e nella sua mente.

Luca sorrise, compiaciuto, e iniziò a scorrere lungo le cosce con una mano, mentre l’altra accarezzava la morbida rotondità dei seni, lì dove dalle costole la carne si faceva soffice e sensibile. Pennellava quelle curve con tocchi delicati dei polpastrelli, uno sfioramento lieve e costante, quanto bastava per eccitarla, ma tale da evitare che raggiungesse l’apice troppo presto. Era uno stillicidio di piacere doloroso che trasudava da ogni singola parte del suo essere, scovato goccia a goccia come se lui fosse un rabdomante e lei una sorgente, pronta a sgorgare dalla terra.

“Una manipolazione del reale profonda e sorprendente. Uno scenario da brividi.” Die Welt

Attraverso fitte foreste, braccato da droni che dall’alto scandagliano i segni della sua presenza, Spark cerca di sfuggire alla sorte beffarda che il destino gli ha riservato. Prima del giorno infausto in cui suo padre morì, era uno dei cittadini privilegiati di Eden, il mondo perfetto della tecnologia, il luogo in cui le esistenze dipendono in tutto e per tutto da now, l’intelligenza artificiale avanzata sviluppata grazie ai cospicui finanziamenti elargiti dal Pentagono. Ora Spark vaga nei territori che si estendono al di fuori di Eden, privato dei suoi diritti e di qualsiasi garanzia di sopravvivenza. Qualcuno – o qualcosa – ha deciso che i segreti che ha scoperto sulla morte di suo padre devono restare sepolti ed è disposto a tutto, anche a ricorrere alla violenza più cieca, pur di raggiungere lo scopo. A Spark non resta che lottare per non soccombere, perché in gioco, oltre alla sua vita e a quella delle persone a lui più care, c’è il futuro del mondo.

Un thriller adrenalinico, un sorprendente romanzo d’esordio.
dal 13 aprile in eBook, €4.99
dal 20 aprile in libreria, €16.90

L’orrore è tornato… Ecco il libro da cui tutto ebbe inizio!

Università di Oxford, 1884. Fatti inquietanti sconvolgono gli studenti: passi che riecheggiano nelle stanze vuote, aggressioni misteriose… Il terrore è giunto con il Lotto n. 249 e ha le sembianze di una mummia, animata da un’antica conoscenza racchiusa in un vecchio papiro. Il celebre racconto dell’orrore firmato da Arthur Conan Doyle, tra i più significativi in ambito fantastico, ha alimentato il mito della mummia ispirando l’immaginario successivo. Dal XIX secolo l’Egitto, con i suoi misteri ancestrali, ha attratto il sentimento popolare che si è riverberato dapprima nella letteratura e in seguito nella cinematografia. La profanazione delle tombe che racchiudono i corpi dei faraoni, preservati nella speranza che possano rivivere nell’aldilà, è al centro di numerosi racconti e romanzi.

Questa raccolta racchiude alcuni dei racconti più coinvolgenti sul tema che, a distanza di due secoli, continua ad alimentare i timori più arcaici radicati in ciascuno di noi.
dal 13 aprile in eBook, €4.99
dal 20 aprile in libreria, €9.90

nuova uscita di Amazon Publishing, che ci porta nel sole, nelle atmosfere e nelle emozioni della Sicilia: Accadde una notte d’estate di Rosy Milicia. Il romanzo esce il 2 maggio, a 3.99€ in ebook e 9.99€ in cartaceo.

Sinossi
I colori intensi del mare siciliano, i suoni esotici del dialetto, il gusto delle granite al limone, il profumo di libri sfogliati e riletti all’infinito. È questo il mondo di Eva Catalano, la chiù bedda fimmina di San Saba, che tutti in paese conoscono.

La tranquilla esistenza di Eva è fatta anche e soprattutto di parole: le scrive nei romanzi che sogna di pubblicare, le compone nelle canzoni in dialetto dei Dintra ’u Focu, le custodisce nel fondo della propria anima e a volte fanno male. Quel dolore nasce dal passato e si chiama Massimo De Santis: amico di infanzia e compagno di ogni estate, il suo primo amore, uscito ormai dalla sua vita da oltre dieci anni.

Un giorno Massimo riappare: il ricordo di un bacio sarà sufficiente a riallacciare i sottili fili del loro legame?

Rosy Milicia ci regala un appassionante romanzo che ha il profumo dolce di una stranizza d’amuri: un incredibile viaggio delle seconde opportunità, un’irresistibile forza che presto coinvolgerà vecchi e nuovi amici… Ne nasceranno altre emozionanti storie d’amore?

L’autrice
Rosy Milicia è una giovane siciliana che studia giornalismo e “da grande” vuole fare la scrittrice. Crede nei sogni e nella forza di volontà, divora parole, ama i libri dal retrogusto nostalgico e si sente una giapponese mancata. Quando non si allena, si dedica al suo blog letterario: il Dragonfly. Accadde una notte d’estate, il suo primo romanzo con Amazon Publishing, “ha il sapore della vita bella” (Amabile Giusti).