image

Trama:
“Meriti tutto l’amore del mondo”, questo continuano a ripeterle tutti. Ma Sara non ci ha mai creduto. Lei è la figlia sbagliata, la sorella sbagliata, una virgola alla fine di una frase che dovrebbe terminare con il punto. Non si è mai sentita voluta e amata fino in fondo e ciò le impedisce di lasciarsi andare ai sentimenti. Per questo si butta con naturalezza nella storia senza coinvolgimenti con il bellissimo e carismatico Sergio: lusso, divertimento e, soprattutto, zero impegno. Sergio, spregiudicato manager di successo, la catapulta in un mondo patinato e lei si lascia trasportare da un’attrazione fisica innegabile. Marcello ha vagabondato per anni in giro per l’Europa, tra Londra e i quartieri degli squatter parigini, dedicandosi esclusivamente alla sua arte e a cercare se stesso. L’incontro con Sara e una nottata trascorsa insieme per le strade di Perugia sovvertiranno tutte le sue convinzioni donandogli una nuova ispirazione e il coraggio di credere nel suo talento. Dopo quella notte anche per Sara nulla sarà come prima, ma come fare per ritrovare Marcello che sembra sparito nel nulla? Ci penserà il destino a rimetterlo sulla sua strada, ma una serie di malintesi li allontanerà nuovamente. Mentre la carriera artistica di Marcello decolla, portandolo nella lontana New York, Sara decide di bastare a se stessa e di condurre una vita tranquilla lontana dai pericoli dell’amore. Ma non sarà così semplice. Un volo per New York, una incredibile scoperta, il serrato e spregiudicato corteggiamento di Sergio, una serie di equivoci e di scelte sbagliate: tutto congiura per confondere Sara e trascinarla in un vortice che la strapperà dalla sua vita noiosa e abitudinaria. Riuscirà Sergio a convincerla che non c’è niente di male a lasciarsi andare alla leggerezza? O sarà invece il misterioso, impulsivo e introverso Marcello a strapparla dalle sue paure e ad abbattere il muro che ha costruito attorno al suo cuore? Tra borghi antichi, serate glamour, viaggi in barca, bagni nel mare di Positano, antichi casali, amici affettuosi e stravaganti e voli improvvisi a New York, Sara capirà che in fondo anche lei ha il diritto di prendersi tutto l’amore che merita.

Il libro “Tutto l’amore che meriti “ è il secondo volume della serie FALLING STARS SERIES.

image

Tu meriti tutto l’amore che credi ti sia stato negato. Guarisci il tuo cuore, ti prego , fallo per me. Ho bisogno che tu sia felice, CHE TU VIVA ANCHE PER ME,che tu guardi i tramonti che io non potrò vedere, che mangi tutti quei gelati che non potrò mangiare, che ascolti le canzoni che non potrò ascoltare, ho bisogno che tu dia a tutti gli abbracci che non potrò dare e ho bisogno che tu ami come io non potrò più fare. Riconciliati con l’amore, concediti di amare, Sara. Se c’è qualcosa al di la di questa vita, sappi che io farò di tutto per mettere sulla tua strada la persona che saprà guarirti. Farò di tutto per darti tutto l’amore che meriti.
Non tutte le stelle sono destinate a cadere!Ti voglio bene non dubitarne mai.
Tua sorella Laura

Laura e Sara, due giovani donne legate da un legame di sangue, in quanto sorelle, che scoprono questa parentela quando tutto è troppo tardi. Laura è leucemica e purtroppo la morte sopraggiunge dopo un anno che ha scoperto di avere una sorella, appunto Sara.

Sara è segnata da questo avvenimento; la sofferenza di questa perdita la fa soffrire ma non solo, se poi aggiungiamo il fatto di essere la figlia “sbagliata” nata da una relazione “sbagliata” aumenta il malessere che c’è in lei. È forse questa inquietudine a far sì che viva la sua vita in maniera distaccata, soprattutto per quel che riguarda il rapporto con gli uomini. Tasto dolente per una donna che infondo al cuore vuole essere amata ma che con la mente non riesce a metabolizzare un rapporto vero d’amore.

Vivere è un verbo che va coniugato al presente

Il romanzo parte da qui. Tre anni dopo la morte di Laura, Sara vive nel suo nuovo appartamento con l’amica Gemma, di certo non svolge una vita entusiasmante: la ragazza lavora in uno studio commerciale prestigioso e a parte ciò la sua vita al momento risulta al quanto scialba e priva di emozioni ed è proprio per questo che coglie al volo l’offerta del suo capo di una trasferta lavorativa a Perugia.

Il mio capo mi ha incaricata di presenziare in rappresentanza dello studio ad un congresso che si terrà a Perugia. La notizia mi ha subito entusiasmata. Certo, l’incarico non è importante come sembra, nel senso che lo studio deve essere lì, ma nessuno ha voglia e tempo per andarci, quindi mandano me. E ciò mi induce immediatamente a pensare che questo congresso non sia neanche tanto interessante. Ma, nonostante tutto, trascorrere un paio di giorni fuori città è un’idea che mi entusiasma. Ecco quindi come impiegherò questo pomeriggio: devo sbrigarmi a fare i bagagli.

Quando la donna arriva in albergo viene subito attratta dalla figura dietro al bancone della reception, impossibile non notare quel ragazzo: ha un’aria famigliare oltre ad essere un uomo bellissimo. Tra i due c’è subito feeling tanto che si accordano per incontrarsi per cena.

L’imbarazzo di stare in compagnia di una persona appena conosciuta è, in un primo momento, difficile da superare, in certi casi non lo si supera affatto, mancando quel grado di familiarità che non sempre si instaura. Ma Sara ci mette poco a scoprire che con Marcello è diverso.

C’è magia nell’aria, una sorta di atmosfera incantata. Marcello non è un ragazzo comune in lui c’è qualcosa che affascina e cattura la donna e d’altro canto Marcello è colpito da Sara, dal suo saper ascoltare, del suo essere così diversa dalle sue solite conquiste.

imageIl poco all’improvviso diventa tanto, diventa tutto. È quello che accade quando si sta bene senza sapere di stare bene. Si sta, è questo che conta. E non importa chi o cosa ci sia attorno. Marcello è di una bellezza oggettiva, ma non banale. Due occhiaie segnano appena un solco sotto gli occhi, sintomo di notti insonni e di una vaga inquietudine. Ha la cicatrice di un piercing sul sopracciglio destro.
È di poche parole, ma di tanti argomenti. Sara si sente un po’ spiazzata da quella magia creatasi attorno a loro, ma è una sensazione piacevole, quella, perché lui la guarda attento, la fissa negli occhi e lei ci vede un vero interesse. Non le sfugge e, soprattutto, la ascolta.
Non sembra pensare ad altro mentre lei gli parla, non sembra preparare già quello che dovrà dire dopo, solo per stupirla. Non distoglie lo sguardo impaziente o, peggio ancora, indifferente. La ascolta davvero, concentrato su di lei e non su se stesso. E lei si ritrova a desiderare ardentemente di piacergli.

Anche solo per una sera i due giovani provano emozioni diverse l’un per l’altra, comprensione, feeling, trasporto, intesa e passione. Probabilmente questo rapporto avrebbe avuto un seguito già dall’indomani di questo incontro, ma così non sarà. Ritorna infatti prepotentemente, nella vita della donna una figura che Sara conosce bene, una “vecchia fiamma”: Sergio

Non appena muove il primo passo, però, deve bloccarsi. Una mano decisa e calda le ha afferrato il polso, trattenendola con fermezza e appropriandosi della sua attenzione.
Quando si gira per guardare in faccia colui che la sta trattenendo già sa quale volto i suoi occhi incontreranno.
“Che ci fai qui Sergio?”, esclama a fior di labbra, quasi senza fiato.

Sergio Corsini è un uomo affascinante, ricco, carismatico, con un forte ascendente sulle donne e su Sara, in particolare. Fisico scultoreo e prepotentemente sexy. Si conobbero quando Sara perse la sorella Laura.
E forse probabilmente per sopperire alla mancanza della sorella e provare a “vivere” di nuovo inizia a frequentare l’uomo e in un certo senso questo incontro le fa bene. Sergio la porta all’interno del suo mondo sfavillante pian piano, uscita dopo uscita, facendola vivere in quel mondo leggero e passatemi il temine “luccicoso” come quello delle star!
L’avvicinamento è graduale: un drink, gli incontri, l’essere spiritoso e divertente, la sua bellezza e il suo carisma intrappolano Sara. Il loro è un rapporto senza coinvolgimento emotivo, rapporto (inizialmente) tacitamente concordato.

Sergio mi ha catapultata in un mondo sfavillante, splendente e leggero. Non siamo mai stati veramente insieme noi due. Ma per un periodo lui è stato l’unico per me ed io l’unica per lui.
L’avvicinamento era stato graduale: l’incontro, scoprire che in fin dei conti era divertente e spiritoso e poi lo scambio dei numeri di telefono, sotto l’effetto di qualche mojito di troppo.
Ci sono voluti mesi perché ci avvicinassimo veramente.
Sfido chiunque a resistere a Sergio. É bello in maniera spudorata, intelligente, di successo, narcisista quanto basta per curare un look sempre impeccabile.

E così dopo una cena, aperitivi, uscite, iniziano i viaggi di piacere, un piacere puro fisico e mentale ma mai sentimentale. Infatti nonostante a Sara Sergio piaccia, per la ragazza non scatta quella famosa scintilla nel suo cuore.

image

“Mi piaci”, disse a bruciapelo lui.
In un attimo abbandonai la mia aria assonnata dilatando le pupille e i padiglioni auricolari.
Mi voltai a guardarlo con fare interrogativo trattenendo maldestramente un mezzo sorriso imbarazzato, oltre che il respiro.
“Mi piaci”, ripeté calmo. Un lieve sorriso sulle labbra e la fossetta in agguato.
“Bene”, risposi semplicemente. Ma dentro facevo la ola.
E scoppiammo a ridere entrambi. Senza aggiungere altro. Lasciando quella sua frase lì dove era stata pronunciata, sospesa come un granello di polvere che esita nell’aria senza sapere dove andare a posarsi.

Il loro rapporto non è mai stato vincolante, si vedevano senza impegni e trascorrevano momenti incredibilmente fantastici insieme. Ma niente più, ecco perché quando Marcello entra a far parte della vita di Sara la sua esistenza subisce uno scossone, poiché ciò che più le prende il giovane è il cuore.

Dopo aver conosciuto Marcello, benché il nostro incontro sia stato incredibilmente
breve e fugace, ho sentito riaccendersi dentro di me una luce per troppo tempo restata fioca, troppo flebile per intuirne addirittura la presenza. Avevo perso il contatto con la vera Sara.
Vivere del solo effimero divertimento, come avevo fatto con Sergio, era molto più
semplice, ma alla lunga mi aveva stancata. Per questo ero scappata dall’albergo prima che si svegliasse, amaramente pentita di essere nuovamente finita a letto con lui. Dapprima non ero riuscita a resistergli salvo poi pentirmi qualche istante dopo. Non potevo riprendere a frequentarlo.
Aver conosciuto Marcello ha fatto scattare qualcosa di nuovo e strano dentro di me.
Difficile da spiegare. Marcello è entrato in poche ore nella mia pelle.

Sergio o Marcello un vero dilemma, uno presenza costante ma non coinvolgente, l’altro sfuggente ma necessario!
Siete curiosi di scoprire cosa accadrà?
Io non vi rivelo di più ma vi invito a leggere questo bel romanzo che sfida gli abituali clichè.

La storia è narrata in terza persona con la presenza di parti in prima dove l’autrice ci omaggia di pensieri e sensazioni dei personaggi.
Il romanzo è ricco di parti descrittive su ambienti e luoghi e gli stessi personaggi secondari sono tanti e ben giostrati all’interno del romanzo. I dialoghi son semplici e fluidi e arricchiscono, talvolta, il libro di parti ironiche.
Mi permetto di consigliare all’autrice una rilettura del testo per eliminare qualche refuso che non compromette la lettura, ma se eliminato renderebbe giustizia al testo.
Non mi resta che augurare un grande in bocca al lupo a Valeria e, a voi lettori, consiglio vivamente di leggerlo, non ve ne pentirete.
A presto la vostra Cory

image