Care Dame di Harem, Il libro di cui vi parlo oggi  in anteprima è “La sottile linea dell’amore”di Monica Murphy,in uscita il 3 novembre per la Newton Compton. Con questo romanzo si conclude la  “Reverie Series”,costituita da due volumi di cui il primo-Il mio sogno proibito-è uscito il 24 febbraio scorso. Venite a conoscere con me la storia di Nick e Reverie!

 

la-sottile-linea-dellamore-it

 

Titolo:La sottile linea dell’amore

Autrice:Monica Murphy

Editore:Newton Compton

Pubblicazione.3 novembre 2016

Serie:Reverie #2

SINOSSI

Tutto cambia in un batter d’occhio. Tutta la mia vita come l’ho sempre conosciuta ormai non c’è più. Tutti i segreti sono stati rivelati e le promesse fatte sono state disattese irrimediabilmente. La mia famiglia non sarà mai più quella di prima. Così, quando Nicholas Fairfield torna nella mia vita come se non se ne fosse mai andato, io divento matta. Sono fuori di me. Ma anche eccitata. Dentro il mio cuore c’è una battaglia all’ultimo sangue e non capisco chi vincerà. Nonostante la mia confusione, voglio stare con lui. Lo amo. Questo non significa che non sia pericoloso. Qualcuno farà di tutto per allontanare Nicholas da me. E io so solo che non devo lasciarlo andare mai più…

 

 

RECENSIONE

Prima di parlarvi del secondo volume,voglio fare brevemente un passo indietro e rinfrescarvi la memoria su dove avevamo lasciato i nostri protagonisti.

Nick è il classico   bad Boy che sin da bambino è stato costretto  a cavarsela da solo e ad assumersi responsabilità più grandi di lui;ciò lo ha portato a crescere troppo in fretta e a compiere  in passato qualche scelta sbagliata  che l’ha spedito dritto nel carcere minorile.

 Adesso per potersi pagare la retta del collage trova un lavoretto estivo nella residenza di villeggiatura degli Hale,ed è qui che incontra Reverie.

murphy

 Reverie è una ragazza perbene,educata e responsabile,la figlia adorabile che ogni genitore vorrebbe avere ,ed è questa l’immagine  di lei  che passa attraverso lo schermo televisivo ogni volta che partecipa allo show del padre telepredicatore.

Nick e Reverie appartengono a due mondi diametralmente opposti;le  differenze culturali,economiche e sociali tra loro sono tante  e incutono timore soprattutto in ragazzi di 17 anni . Ma,anche se è banale dirlo,al cuor non si comanda.

 Nel primo libro abbiamo assistito alla nascita del loro amore,un sentimento fresco,tenero,puro fatto di piccole cose come sorridere  di fronte a un messaggio,arrossire per un semplice sguardo e  toccare il cielo con un dito solo mangiando  un hamburger in riva al mare.

Nick rappresenta per Reverie  il primo bacio,il primo “ti amo”,la prima volta,il ragazzo per cui provi la sensazione delle  farfalle nello stomaco.E’ innamorata  persa e crede  di poter avere il suo “per sempre felici e contenti”,ma Nick  nasconde un segreto, e si sa che i segreti non rimangono tali a lungo.

“Non riesco a farmi coraggio e dirle quello che provo, si può essere più sfigati di così? Perché ho tanta paura? Perché mi terrorizza l’idea che succederà qualcosa di orribile tra noi e finiremo per ritrovarci entrambi nella merda più totale? Se mai facessi qualcosa per ferirla, non me lo perdonerei mai.”

Il primo libro si conclude con un  clamoroso cliffhanger:un evento  che, portando alla luce ogni verità,ha sconvolto le vite dei due ragazzi costringendoli  ad allontanarsi.

 “La linea sottile dell’Amore” riparte esattamente da dove li avevamo lasciati,tuttavia se prima  Reverie era una ragazza  ingenua e a tratti infantile,ora la ritroviamo completamente cambiata a causa dello scandalo  che ha travolto la sua famiglia.

 “All’inizio dell’estate ero ancora innocente e piena di speranze. Desideravo qualcosa di più, sognavo un cambiamento, una possibilità. Nicholas Fairfield me li ha dati entrambi. Mi sono ribellata ai miei genitori e ho fatto quello che volevo. E quello che volevo era Nick. Ma poi me l’hanno portato via.L’irrevocabilità di quelle parole, della situazione… mi ha quasi distrutta. Mi sono vista strappare la vita dalle mani e adesso non mi resta più niente.”

 Reverie e’ irriconoscibile. Nasconde il suo dolore ribellandosi e facendo tutto ciò che prima non le era mai stato permesso:prende brutti voti a scuola,si ubriaca ed esce ogni sera,ha abbandonato le sue vecchie amiche e bacia ogni ragazzo che incontra senza nessuno scrupolo.

È l’ombra di se stessa,un vago ricordo della ragazza di un tempo,ma per fortuna non è sola,poiché accanto a lei c’è Evan,il fratello maggiore ,che sembra rinsavito.

Non è più il giovane indisciplinato e discolo che si vantava di girare in Mercedes  sfoggiando  Rolex e abiti firmati, ma  un ragazzo  serio che gli il destino ha fatto crescere troppo in fretta,il  fratello protettivo e premuroso che non è mai stato.

 «Torna in te, sii… te stessa. Non sei la ragazza che stai fingendo di essere. Tu non sei una che si accorcia la gonna della divisa scolastica solo per contrariare gli insegnanti, non sei una che si mette tutto quel trucco sugli occhi… Sembri un panda drogato. Tu non ti truccavi mai. Non sei una che volta le spalle alle vecchie amiche per andarsene in giro a fare pompini agli sconosciuti».

murphy-2

Pian piano grazie all’aiuto del fratello  riesce a rimettersi in carreggiata:i voti migliorano,recupera il rapporto con le amiche e trova un lavoro per contribuire alle spese. Se prima Reverie ed Evan erano due viziatissimi ragazzetti ricchi che non muovevano mai un dito,ora sono diventati due adulti responsabili.

Ma ciò che fa Reverie è semplicemente sopravvivere:si tiene impegnata tutta la giornata per arrivare a sera esausta e non pensare a ciò a cui tiene davvero: Nick.

 “E poi c’è Nick. Perché ancora mi preoccupi per lui è un vero mistero. È stupido pensare che tra noi ci fosse qualcosa di vero. Quanto può essere vera una storia con qualcuno che non si fa più sentire? È come se mi avesse dimenticata non appena ci siamo separati. Come se per lui fossi stata solo una stupida storiella estiva. Probabilmente non gliene importava niente di me.

murphy-3

Ma Reverie si sbaglia,perché  Nick non l’ha  mai dimenticata,e  una sera,finito il turno di lavoro,del tutto inaspettatamente lo rivede:

“D’un tratto vedo una lucina accendersi in lontananza, è la fiammella di un accendino, e mi raddrizzo aguzzando la vista per osservare meglio la figura che si staglia nell’oscurità e che sta venendo da questa parte. La fiammella dell’accendino si spegne e compare il bagliore rosso dell’estremità di una sigaretta che viene fumata. Ho il cuore in gola, ma non mi resta che osservare la silhouette della persona che si avvicina. È un uomo, si vede. Alto, spalle larghe, andatura dinoccolata. La flebile luce della pensilina mi getta addosso un orrendo bagliore al neon che rende praticamente impossibile vedere chiaramente ciò che c’è al di là del fascio luminoso. L’uomo si avvicina e butta a terra la sigaretta che si è appena acceso. Strano… Perché sprecarla dato che costano così tanto? È un vizio orrendo, d’accordo, però quel gesto non ha senso. E poi, lentamente, man mano che si avvicina alla luce della pensilina, comincio a distinguere i tratti del suo bellissimo volto. Ho la gola completamente secca. Lui mi sorride e si china davanti a me per guardarmi negli occhi.

«Ti ho cercata dappertutto», mi dice, e la sua voce, così calda e familiare, si irradia per il mio corpo, provocandomi un tuffo al cuore. Serro i pugni lungo i fianchi, colta da un’improvvisa ondata di collera. Dopo tutto quello che mi ha fatto non riesco a credere che siano queste le prime parole che mi rivolge. «Come mai ci hai messo tanto?», gli chiedo a denti stretti. E poi sollevo il braccio e lo colpisco dritto sulla mascella, spedendolo col sedere a terra.”

 Perché si è comportata così Reverie? Cosa è rimasto della dolce ragazzina che Nick aveva conosciuto?

La sua innocenza  é scomparsa,disintegrata,spazzata via.

” Non esiste nessuno in grado di regalarmi le emozioni che Nicholas Fairfield mi suscita con un solo sguardo, una carezza, un bacio… Sto facendo il possibile per soffocare gli altri sentimenti che mi provoca, quelli più profondi e pericolosi, quelli che affiorano quando mi sorride in quel modo. Mi torna in mente il sapore delle sue labbra, la loro morbidezza, e credo… Lo desidero ancora. Ne sono ancora innam…I miei sentimenti nei suoi confronti non sono cambiati. Lo desidero ancora, sono ancora innamorata di lui. E allora perché mi trattengo? Forse perché sono cambiata e ho paura di non piacergli più? Oppure perché la mia vita è già abbastanza confusa e temo che un’altra complicazione sarebbe insopportabile? Sono tutte ragioni più che valide, ma perché devo rinunciare a lui? È l’unico che mi abbia mai capita, ascoltata, che si sia mai interessato a me.”

Quando i due sembrano sul punto di riallacciare nuovamente il loro rapporto, succederà qualcosa che metterà di nuovo a repentaglio il loro amore…

 E qui,mie care Dame,mi fermo. L’ultima parte e’ molto adrenalitica,con sfumature  noir e un pizzico di  suspense  per cui  non voglio assolutamente rovinarvi la lettura.

 In genere non  mi piacciono gli YA e tendo a scartarli per la giovane età dei protagonisti,ma la vita è sempre pronta a smentire anche le convinzioni più profonde .

 Ho amato moltissimo questa duologia  al punto da averla divorata in due giorni. In particolare,mi ha molto emozionato e coinvolto la sensualità fresca e audace con cui sono descritte alcune scene vissute da persone così giovani.

 Ho apprezzato la scelta dell’autrice di narrare il  primo libro  dal punto di vista di Nick  e inserendo qualche pov di Reverie mentre nel secondo volume l’impostazione è l’esatto opposto.Lo stile breve e conciso mi ha permesso di conoscere la storia a 360 gradi e ho trovato coinvolgente  la narrazione al presente perché mi ha trasmesso la sensazione di assistere  alla loro storia man mano che gli eventi si susseguivano.

Una romanzo che racconta  di due giovani protagonisti che per il loro amore hanno lottato  strenuamente ,superando  tutte le avversità,gli ostacoli che si sono frapposti sul loro cammino. Una storia di dolore e sofferenza  perché Nick e Reverie scelgono di andare avanti con le loro vite  nonostante  non siano felici l’uno lontano dall’altra.Ma non ci si può dimenticare di chi ci ha salvato da noi stessi. Non è del  primo amore che non   si scorda mai ma  quello VERO.

Mi sembra superfluo aggiungere che vi consiglio caldamente questa duologia!

 Alla prossima, La Vostra Francesca

Storia

francesca 4

 

 

 

Sensualità

peperoncino-due-e-mezzo