Salve Harem, oggi vi parlo di LOVE ME, primo volume autoconclusivo della serie Gray Springs University di Ella Fields, edito Newton Compton. Venite a scoprire cosa ne penso.

Titolo: Love me

Autore: Ella Fields

Editore: Newton Compton

Genere: New Adult

Uscita: 5 febbraio 2020

Serie: Gray Spring University #1

Autoconclusivo

SINOSSI

Il primo amore è impossibile da dimenticare
Ho sempre pensato che sarebbe stato mio per sempre. Anche quando il destino ci ha costretti a dirci addio. Non avremmo mai dovuto permettere alla vita di separarci. Ma è successo. E adesso che qualcuno ha preso il mio posto nel suo cuore, so che avrei dovuto lottare con molta più determinazione. Sono passati due anni e i nostri progetti si sono realizzati. Ora che avremmo l’occasione di mantenere le promesse che ci eravamo scambiati, lui sembra aver dimenticato tutto. Si è messo con la mia migliore amica, facendomi iniziare la nuova avventura al college con il cuore spezzato. Immagino che a questo punto della storia dovrei raccontarvi di come un altro ragazzo sia riuscito a farmi innamorare di nuovo e ritrovare il sorriso. Non è andata così. Anche se ho il cuore ancora a brandelli, la verità è che non riesco a smettere di pensare a Quinn.

RECENSIONE

L’amore tra Quinn e Daisy nasce a Clarelle, un piccolo paese dell’entroterra americano, in cui i due ragazzini trascorrono la maggior parte delle loro giornate condividendo ogni gioia, pena, dolore e piccola conquista. Sono due anime semplici, senza grilli per la testa, e nonostante siano animati da forti passioni (Quinn per il football e Daisy per il disegno), il loro sogno è quello di coronare il loro amore e vivere per sempre felici e contenti nel paesino in cui sono nati.

Provavo troppo quando stavamo insieme. Avevo paura di finire lo spazio nel cuore e scoppiare.

Pur essendo ancora adolescenti, il sentimento che li lega è forte e profondo. Insieme si sentono invincibili, sono eterni ed inseparabili come la luna e le stelle.

«Non ho paura. Io e te siamo eterni, come la luna e le stelle». 

Purtroppo però un evento inaspettato li porta lontano l’uno dall’altra per ben due anni. Entrambi vivono la separazione in maniera diversa ma altrettanto dolorosa. La luna e le stelle non si fanno più compagnia a rischiarare il buio della notte.

Tuttavia, anche la notte più nera è destinata a finire, per lasciare il posto a un nuovo giorno carico di speranze e promesse. Ed è proprio per onorare una promessa fatta tanti anni prima che Daisy, ormai diciottenne, si iscrive alla Gray Springs, l’università che tanti anni prima aveva deciso di frequentare insieme a Quinn. Ma il ragazzo si ricorderà ancora di lei e della promessa fatta?

Di primo acchito sembra proprio di no. A quanto pare Quinton si è gettato il passato alle spalle ed è andato avanti con la propria vita, innamorandosi di nuovo di qualcuno che però avrebbe dovuto essere off-limits.

Daisy invece in tutti quegli anni è rimasta ancora aggrappata al passato, all’idea di un amore puro, eterno e incommensurabile. Tuttavia questa immagine stride con quella di Quinn che bacia un’altra ragazza.

Ma Quinn l’ha davvero dimenticata? Possibile che l’amore di Daisy fosse a senso unico?

In realtà anche Quinn era innamorato di lei, ma dopo la sua partenza qualcosa in lui si è spento, facendogli mettere in stand by tutte le emozioni. Il ritorno di Daisy riaccende ogni sensazione, fa riaffiorare tutti i ricordi e i sentimenti che la ragazza gli aveva fatto provare, e per Quinn comincia un periodo difficile e nebuloso in cui deve decidere se c’è ancora spazio per Daisy nella sua vita.

Quinn è diviso tra due fuochi, vive una dicotomia tra ragione e sentimento. La testa gli dice che ha fatto bene a voltare pagina, il cuore invece gli sussurra il nome di Daisy, la ragazzina occhialuta di cui è sempre stato perdutamente innamorato.

Non eravamo molto: eravamo ancora di più. Eravamo la brezza che spazzava i denti di leone. Il sole che ci arrossava la pelle fino a quando non ci riparavamo sotto al nostro salice preferito. E sotto la coltre scura del cielo, eravamo le stelle l’uno per l’altra. E tutto ciò poteva davvero svanire? 

Ma Quinn non è l’unico a dover fare chiarezza nei suoi sentimenti, la decisione finale sul suo rapporto con Daisy non spetta solo a lui, perché la ragazza, pur soffrendo, non accetta passivamente la situazione in cui si trova. L’amore viene strappato a Daisy per ben due volte: la prima dal destino che la porta a migliaia di chilometri di distanza da Quinn, e la seconda quando scopre di essere stata la sola a restare aggrappata a una promessa, infranta purtroppo nel peggiore dei modi.

Di fronte a tanto dolore, Daisy si dispera, piange tutte le sue lacrime e a un certo punto perde persino la sua vena creativa. Tuttavia la resilienza trova linfa vitale in lei: Daisy non permette al dolore di sopraffarla, ma lo vive al massimo e ogni volta cerca di riorganizzare la propria vita senza alienare la propria identità. Questa è la sua forza. Questo è ciò che la porta ad essere così speciale e preziosa non solo agli occhi di Quinn.

«No, è che non riesco proprio a smettere di cercare. Il cielo. Te». Si passò la lingua sul labbro inferiore. «Perché non riesco mai a smettere di cercare?»

Accanto ai protagonisti ruotano personaggi secondari molto interessanti tra i quali spiccano la coinquilina di Daisy e l’amico di Quinn, affetto da un disturbo ossessivo compulsivo. L’autrice getta le basi della loro storia che si svilupperà nel prossimo libro e che promette di farci soffrire parecchio. La stessa sofferenza, ansia e trepidazione che ho provato durante la lettura di Love me. Leggendo la sinossi, credevo che questo fosse il tipico romanzo rosa in cui una tenera amicizia tra due ragazzini si tramuta in amore nel corso degli anni. Pensavo a un romanzo leggero, insipido, banale, e invece mi sono ritrovata a soffrire con Daisy per quello che le era capitato e al contempo a riflettere sul comportamento di Quinn, Alexis e della stessa protagonista.

All’inizio ho parteggiato esclusivamente per Daisy, ma poi vi confesso che è stato difficile riuscire a trovare anche un solo motivo per cui lei non dovesse perdonare Quinn. Il grande insegnamento di questo romanzo è che la verità non sta mai da una parte sola e che se si ama qualcuno è giusto dargli la possibilità di spiegarsi e di dimostrare con i fatti e non con le parole i propri sentimenti. È un libro che parla di amicizia, gelosie, tradimenti, perdono, amore e seconde possibilità. Soffrirete parecchio insieme a Quinn e Daisy ma a mio parere ne vale la pena.

«Non posso fermarmi. Non posso più farlo. Siamo io e te. Doveva essere così da sempre, io e te. Non voglio più contrastarlo». 

Alla prossima,

Vanilla

STORIA

EROS