Care amiche di Harem buongiorno, oggi vi parlo di Paradiso cercasi di Megan Maxwell, libro autoconclusivo pubblicato il 31 Maggio dalla casa editrice Tre60.

 

Abbiamo letto di questa autrice vari romanzi erotici.

Chi non ricorda la trilogia Chiedimi quello che vuoi o  Sorprendimi o ancora Il mio destino sei tu?!

A differenza di questi ultimi, Paradiso cercasi invece si annovera tra i romanzi rosa chick lit.

Venite  a scoprire cosa ne penso.

Sinossi

La vitale, esuberante Ana fa la fotografa in uno studio di moda a Madrid. E, un giorno, per caso, la sua macchina fotografica inquadra il volto di Rodrigo. Il feeling tra i due è immediato; la scintilla scocca all’istante, ma a smorzarla ci pensa subito lo stesso Rodrigo, che in quel momento frequenta una bellissima top model (ma sarà un grande amore? Chissà…) E a spegnerla del tutto arriva la scoperta che Ana è incinta. Una notte di passione con uno sconosciuto sta per cambiare la sua vita per sempre.
Tenere il bambino significherebbe forse rinunciare a Rodrigo, l’uomo che potrebbe essere la sua anima gemella. Oppure no? Che fare? Ci dovrà pur essere una soluzione.
La porta verso la felicità dovrebbe essere aperta a tutti. Però, prima, bisogna trovarla. Insomma: Paradiso cercasi…

Recensione

Come vi ho già anticipato, Paradiso cercasi è un romanzo rosa, uno di quelli in cui le scene erotiche sono descritte en passant mentre i momenti esilaranti e di puro divertimento ma anche quelli di riflessione e pura amicizia sono descritti in maniera frizzante e coinvolgente.

Demoralizzata, Ana si sedette a terra e Nekane la imitò. Perché mai continuare a mentire? E così alla fine, decise di essere sincera e confessare: «Ti giuro che mi basta vederlo per diventare goffa e stupida. Ma cosa caspita mi succede con lui? Mi va addirittura sottosopra lo stomaco».

I protagonisti di questo libro sono Ana e Rodrigo.

Ana Barners è una ragazza londinese di buona famiglia, laureata in giurisprudenza che vuole inseguire il suo sogno: fare la fotografa di moda.

Decisa a lasciarsi il passato alle spalle e contro il parere del padre, personaggio di spicco dell’elite londinese, Ana si trasferisce a Madrid dove, grazie alle sue sole forze e alla sue innate capacità, apre uno studio fotografico iniziando così la sua nuova vita.

Sette anni dopo mentre Ana e  la sua collaboratrice e migliore amica Nekane, stanno svolgendo un servizio fotografico con delle modelle di intimo, per la campagna pubblicitaria di una nota marca italiana di lingerie, nell’appartamento affianco sta succedendo qualcosa…

Encarna, la loro vicina, ha dimenticato i fornelli accesi dopo aver cucinato le sue famose frittelle, provocando così un piccolo incendio che costringe tutti ad uscire dai loro appartamenti ed evacuare il palazzo per motivi di sicurezza.

Mentre attendono di rientrare nello stabile,  Ana scatta delle foto a ciò che la circonda, compreso un bellissimo e muscolossissimo pompiere che si è ritrovata davanti all’obiettivo.

Ana è subito attratta da tutto questo ben di Dio, chi non lo sarebbe del resto!

Ma il capo dei pompieri, Rodrigo Samaro, però non si accorge affatto della spigliata fotografa.

La sua attenzione viene subito catturata dalla giovane modella Iris, con la quale inizia subito una relazione.

Ana diviene spettatrice della storia tra i due poiché ospita la modella in casa sua.

Decisa a non dare peso a tutte le sensazioni che prova quando Rodrigo le sta vicino decide una sera di seguire i propri istinti e uscire a far festa. In un locale incontra un bel ragazzo svizzero dai bellissimi occhi azzurri e con lui passa una notte infuocata.

Dopo quella notte Ana scopre di essere incinta e decide di tenere il bambino tenendo, agli inizi, nascosta a tutti la gravidanza.

Col passare dei giorni intanto i sentimenti che prova per Rodrigo diventano sempre più profondi, ma lui non se ne accorge, continuando la sua missione di casanova.

Rodrigo infatti oltre a frequentare Iris esce con altre donne, tutte alte bionde e prosperose…

Insomma per Ana non c’è proprio posto nel mondo del bel pompiere, che ovviamente non ha minimamente inteso ciò che lei prova per lui, se non come amica e confidente.

E pur di averlo nella sua vita Ana decide che se lui la vuole solamente come amica, lei sarà la migliore delle amiche.

«Be’, vedi? Adesso hai una vera amica! E perché sia ben chiaro quel che d’ora in poi saremo noi due, per te da oggi sarò come gli angeli, asessuata!»

Rodrigo rise come un pazzo e lei proseguì, grattandosi l’orecchio: «Se vuoi possiamo essere buoni amici. Potremo confidarci, andare al cinema… Insomma qualsiasi cosa facciano gli amici che non sono trombamici. Che ne pensi?»

«D’accordo amica del cuore. Sarò felice di poter fare tutte quelle cose con te.

La scarsa capacità di Rodrigo di guardare oltre l’ovvio e al di là del suo naso unite all’ostinazione di Ana renderanno questa amicizia malsana e la farà soffrire.  

La bella ed incinta fotografa non riesce a ragionare solo con la testa…del resto si sa che al cuor non si comanda…

Te l’ho appena detto, razza di idiotaPerché ti amo, e appena ti vedo perdo la ragione, avrebbe voluto gridargli.

«No, Ana, non ti dispiacere e ascoltami bene una maledetta volta perché sono al limite della sopportazione!» urlò in preda alla collera. «Tra noi due è tutto finito. E mi dispiacerà per tutta la vita per Dani perché gli voglio bene, ma è tutto finito! Da quando ci conosciamo mi hai umiliato, mentito, avvelenato, aperto la testa, utilizzato come un idiota e alla fine mi hanno anche pestato e distrutto la macchina. E tutto questo perché? Perché non mi sono innamorato di te quando tu l’hai fatto di me. Cazzo, Ana! Accetta che non tutti seguiamo il tuo ritmo. Accetta che a volte le persone possano meritare delle seconde occasioni, o anche delle terze o delle seste, e quando l’avrai accettato, forse allora potrai guardarti allo specchio e capire che ti sei sbagliata sul mio conto e di certo anche su molta altra gente.»

«Ma Rodrigo, ascolta. Io…»

Sarà destinato ad essere contraccambiato l’amore che Ana prova nei confronti di Rodrigo o il loro rapporto non potrà andare oltre questa amicizia particolare?

Questo lo lascio scoprire a voi perché come sapete non amo dare molte informazioni, vi rovinerei la lettura.

Vi basti sapere però che in Paradiso cercasi c’è l’happy ending…

Già dalla trama questo mi era sembrato un bel libro ma devo essere sincera.

Pur essendo davvero carino, con una particolare storia d’amore in cui la tempistica sbagliata regna sovrana e che affronta in maniera delicata un tema molto importante quale la violenza domestica, Paradiso cercasi non mi ha completamente coinvolta.

Non so bene spiegarvi il motivo, è stata l’unione di vari fattori a non lasciarmi completamente soddisfatta della lettura, a non farmi sentire completamente parte della storia, seppur la Maxwell abbia dato una visione completa della stessa facendo lei stessa da narratrice e dando voce a tutti i personaggi e non solo ai protagonisti.

Lo stile della Maxwell è anche in Paradiso cercasi frizzante e brioso, in certi punti mette allegria, in altri lascia riflettere.

Paradiso cercasi è un libro da leggere non solo per conoscere le vicende dei due protagonisti ma anche dei personaggi secondari.

Adorerete Nekane e Calvin ed Encarna come li ho adorati io.

Paradiso cercasi è uno di quei libri da leggere per passare un po’ di tempo in leggerezza, senza stress e col sorriso sulle labbra.

Buona lettura.

Cannella vostra