Realmente amore (Suddenly Royal) di Nichole Chase

 

The Royal Series
1.  Realmente amore, 20 Aprile 2019
2. Recklessly Royal
3. Reluctantly Royal
Autore: Nichole Chase
Editore: Newton Compton
Genere: Contemporary Romance

Samantha Rousseau sa bene che cosa vuol dire lavorare sodo. Si sta impegnando al massimo per ottenere la sua laurea in Scienze naturali e si prende cura di suo padre, ammalato da anni. Non ha tempo per gossip, vestiti costosi o vacanze di lusso. Così, quando riceve un invito a cena da parte di una duchessa nel piccolo regno di Lilaria, non può credere ai suoi occhi. Possibile che sia rimasta colpita dal suo programma di ricerca e voglia fare una donazione all’università? La verità va oltre ogni immaginazione ed è destinata a sconvolgere per sempre la vita di Samantha. Alex D’Lynsal sta cercando di ripulire la sua reputazione. Il suo ruolo di erede al trono di Lilaria, infatti, gli impone di mettere la testa a posto una volta per tutte. Ma per uno come Alex non è semplice rinunciare al fascino di una bella donna.
Specialmente una come Samantha…

Un altro royal romance???

Ho pensato esattamente questo, lo ammetto.

Ci siamo fatte stregare dalla Royal Series di Emma Chase.

Ci siamo fatte incantare dalla Royal Romance di Karina Halle. 

Intrigare dalla storia The Controversial Princess di Jodi Ellen Malpas.

Ci siamo fatte coinvolgere dalle vicende di palazzo narrate da Kiera Cass…

E ora?

Oh andiamo, perché no? Non è mai -MAI assolutamente MAI (ho già sottolineato “mai”?!) – abbastanza!! 

Ora un concentrato di dolcezza sensuale, una vera e propria favola moderna. 

Vi ricordate Pretty Princess (The Princess Diaries) targato Disney? Il brutto anatroccolo Mia che frequenta un college americano fino a quando scopre di essere principessa di Genovia, un piccolo principato in Europa…una giovanissima e intensa Anne Hathaway e una strepitosa Julie Andrews con il cameo dell’affascinante Elizondo. Vi ricordate? Ecco, ritroverete quell’atmosfera con una generosa dose di erotismo e sensualità in Realmente amore, primo capitolo della serie The Royal, di Nichole Chase.

C’è qualcosa di magico che avvolge l’idea di essere in fondo una principessa (o meglio una duchessa) o comunque di avere qualcosa di speciale, di elitario. Un passato misterioso che spieghi magari tante emozioni e tante passioni, suggestioni che caratterizzano il nostro presente o magari spiegano solamente quel senso di “estraneità” di non totale appartenenza al contemporaneo che a volte ci assale, in particolare in alcuni passaggi della vita. In più l’idea di avere la possibilità, l’autorità, l’occasione e il ruolo per fare la differenza, per cambiare le cose, per poter essere un punto di riferimento.

Samantha Rousseau è una semplice specializzanda, una studentessa ambiziosa ma rigorosa, la sua passione è la fauna selvatica, desidera studiarla per comprenderla e salvaguardarla, come faceva la sua adorata madre, mancata da tempo. Cerca di fare il meglio in una realtà di responsabilità e sacrificio, perché ha un patrigno gravemente malato che ama profondamente, conducendo una vita tranquilla, senza scossoni. Tutto il suo mondo viene scombussolato e sconvolto con una semplice visita.

«Cosa c’entro io? Cosa volete da me?». Pensavo di essere andata lì quella sera per discutere di una donazione per il corso sui rapaci. Invece, tutta la mia vita si stava capovolgendo. «Come ti dicevo prima, la regina vuole restituirti le tue terre, Samantha». Rose incrociò con calma le mani sulle gambe. «Vuole restituirti il titolo». «Il titolo?». Avevo il cervello in pappa. Non riuscivo a capire cosa mi stessero dicendo. «Sì. A pieni diritti, sei la duchessa Rousseau, l’erede legittima».

I membri della famiglia reale di un piccolo e florido stato europeo si presentano nel suo College e vogliono parlare con lei, non per una raccolta fondi o per la sponsorizzazione del loro progetto di ricerca ma perché Samantha è l’ ultima erede della nobile e prestigiosa casata Rousseau, dello stato di Lilaria. 

Titolo, terre, denaro e responsabilità di una piccola contea e di una comunità da tutelare ed amministrare. 

“Ci sono due cose che non devi mai dimenticare. La prima: che sei una Rousseau e devi sempre esserne orgogliosa; la seconda: la famiglia viene sempre prima di tutto. Sempre”.

Il paese ha bisogno di lei, la casa regnante la cerca da tempo e la aspetta per il suo ritorno “a casa”, pronta ad offrirle tutto, anche le migliori cure ed assistenze al patrigno.

Così le dicono un’affascinante duchessa, sorella della sovrana, in missione per suo conto, e l’incredibile principe di Lilaira, strappato direttamente dalle favole o meglio da ogni sogno proibito di ognuna di noi.

Alex D’Lynsal, erede al trono Lilaria, tanto fascino quanta simpatica garbata, elegante e sex appeal, gravato dagli oneri e dagli onori della corona.

È il principe di Lilaira e prende molto sul serio il suo ruolo, è il principe azzurro perché affascinante, galante ironico magnanimo e sexy da morire, condivide con la protagonista la passione per la falconeria come retaggio del loro paese d’ origine ed è incredibilmente intrigante.

Ebbene sì, come lo ha soprannominato la migliore amica della protagonista è decisamente il principe Slurp Slurp 

«Grazie». Alex mi prese la mano con una rapida stretta. «Il mio cuore cavalleresco lo apprezza». «Non sopporterei di farti perdere il sonno perché ti preoccupi per la mia sicurezza». Mi accarezzò le nocche con il pollice e sentii il cuore che accelerava i battiti. «Concordo». Si avvicinò, il calore che emanava il suo corpo mi scaldava il braccio. «Ci sono tanti modi più divertenti di perdere il sonno». Mi fece l’occhiolino con aria spavalda «Voler passare del tempo a conoscere una donna bellissima non c’entra con la gentilezza». Mi passò il pollice sul labbro, il respiro mi andava a intermittenza. «Non dovrei correrti dietro, Samantha, ma non riesco a fare altrimenti».

Aveva il sapore di una torta proibita.

Combattuta, emozionata ma anche entusiasta e piena di buona volontà, la giovane protagonista deciderà di lasciare l’America per recarsi nella sua terra d’origine a scoprire quali sono le sue radici, a conoscere qualcosa di più della sua amata madre e dei suoi avi e soprattutto a lasciarsi conquistare dal giovane principe e dalla famiglia reale, innanzitutto dalla travolgente sorella di Alex.

In nemmeno due giorni tutto il mio mondo si era rovesciato. Non semplicemente inclinato o ruotato e confuso, ma completamente sottosopra. Niente aveva senso. Ogni decisione sembrava sbagliata. Ogni direzione conduceva a una strada di cui non ero sicura.

Così mi aggrappai all’unica cosa che sapevo essere vera. La famiglia veniva sempre prima di tutto.

Imparerà ad amare profondamente la sua patria e conoscerà una nuova famiglia, a cominciare dal suo personalissimo e irresistibile assistente Chad.

«Vi piace Alex». Non era una domanda. Guardai Chadwick, senza sapere cosa avrei dovuto dirgli. Forse era il vino, ma sentivo di potermi fidare ciecamente su tutto. «Sì». Frignai. «E molto. Più del dovuto. Quasi non m’interessa più che sia un principe». «È per il suo titolo che state facendo la difficile?» «Non faccio la difficile. Che diavolo ci farei io con un erede al trono come fidanzato?» «Che diavolo ci farebbe lui con una duchessa americana?» «Parole dure ma vere». Mi buttai sulla vecchia sedia in pelle dietro la scrivania. «Hai riassunto tutto il problema in una frase».

«Tutto è possibile quando c’è l’amore».

La “duchessa americana” cercherà di trovare se stessa e le sue origini senza smarrire la sua vera natura, lasciandosi conoscere ed amare per quello che realmente è. Il principe Alex e i suoi nuovi amici la accompagneranno in questa nuova avventura, cercando di farla ambientare senza snaturarla, alla sua nuova vita, tra splendori e luccichii, gossip e paparazzi, scandali e eccessi, ideali e antichi valori. La vera conquista sarà rimanere libera di essere se stessa, il più grande desiderio del principe Alex. Libertà. E in fondo amiamo proprio chi ci consente di essere realmente noi stessi, questo è realmente amore. Un amore reale.

«Ti ho promesso che non ti avrei lasciata in pasto ai lupi». Avvicinò la testa alla mia e annusai il suo profumo. «Come principe ereditario, è mio compito aiutarti a capire quali sono i tuoi doveri. Alla fine, dovrai riferire tutto a me, solo così ha un senso». «Capisco». Abbassai la voce per non farmi sentire da nessuno. «Alex, io sono una biologa specializzata in fauna selvatica. È una cosa più grande di me». «Sei una donna intelligente che sarà all’altezza della situazione». Posò lo sguardo sulle mie labbra e combattei l’impulso di passarci sopra la lingua. «Mi dispiace per ieri». «Hai ragione», disse serio. «Avrei dovuto saperlo. Io sto bene se tu stai bene». Nei suoi occhi c’era una scintilla di coraggio. «Sappi solo che se cambierai idea, io sono qui». «Non lo dimenticherò». Non potei fare a meno di sorridere di fronte alla sua espressione di sfida. «Vuol dire che siamo amici d’ora in poi? Ho il presentimento che mi saranno utili persone che staranno dalla mia parte». «Per te posso vedere di impegnarmi». Mi guardò dalla testa ai piedi e scossi la testa. «Per ora». «Gli amici non desiderano gli amici».«Finirai per odiarmi o finirai nel mio letto». Il suo sguardo si fece più intenso. «E io so quale delle due preferirei».

È semplicemente delizioso. Sam è una protagonista moderna, divertente e intelligente, un mix riuscito di pragmatismo ambizione e sentimento; Alex è il principe sexy e dolcissimo che fa sospirare ognuna di noi (dalle teenagers alle teenagers nel cuore); intorno a loro si muovono figure piacevolissime come la sorella di Alex (vulcanica, esuberante e divertente – meriterebbe un romanzo a sé) l’impareggiabile assistente Chad e personaggi più o meno evidenti della corte e della quotidianità di Sam. Animano questa storia d’amore che è una favola moderna, non proprio un romanzo YA, attenzione. L’elemento sensuale è spiccicato e la componente erotica marcata, tanto da destinarlo a un pubblico NA.

«Nel volo c’è un’idea di libertà». Lo guardai. «Esatto. Niente li tiene legati, a meno che non lo vogliano loro».

«Siamo tutti legati a qualcosa.».

«Rimani per sempre».

Per chi ancora sente di portare le scarpette di cristallo ed esprime i desideri sotto una pioggia di stelle. 

Saffron