Tra le braccia del marine (Destini Intrecciati Vol. 2)

Silvia CarboneMichela Marrucci 

Un marine per sempre (Destini Intrecciati col. 1)  Un marine per sempre recensione

SINOSSI:

Entrare nel team di Medici Senza Frontiere comporta sacrificio e turni massacranti, Lizzy lo sa bene, ma è quello il suo obbiettivo. A supportarla resta l’inseparabile amica, Joe, che ormai fa coppia fissa con il suo capitano, Cal. A distrarre Lizzy dagli estenuanti turni in ospedale è la presenza irritante ma irresistibile del Capitano Colin Davis, squadrone Eagles, in forza alla base operativa Miramar di San Diego. Tra i due la passione è irrefrenabile, ma ci vuole coraggio per amare. La partenza di Colin per una missione in Colombia porterà Lizzy a far chiarezza nei suoi sentimenti. Lui è fuoco, lei passione. E l’attrazione diventerà fatale.

RECENSIONE:

Secondo volume per il duo Marrucci e Carbone, anche in questo caso ci troviamo di fronte a un connubio perfetto. L’intesa stilistica tra le due è decisamente evidente e viene espressa al meglio in questo libro dalle molteplici tinte. Una storia vivace e intensa, carica di passione colpi di scena. Una scrittura fluida e accattivante, che tiene sempre attivo il lettore e lo sprona a continuare la lettura.

Abbiamo conosciuto Lizzy nel precedente volume come amica di Joe, in un’ottica piuttosto sfumata e poco interessante. Entriamo ora nel personaggio, conoscendone la profondità, le paure, il sentimento, e scopriamo che dietro a Lizzy c’è un qualcosa di molto particolare, che stupisce e cattura.

Ho adorato la sua sfortunata storia, come ho adorato la sua caparbietà e il suo essere passionale.

All’inizio del libro, troviamo la protagonista concentrata sulla carriera, estenuata da turni massacranti, che la dovrebbero portare a coronare il suo sogno, ovvero quello di entrare nel team di Medici Senza Frontiere. Il gioco al “gatto e topo” col capitano Colin, però, porta Lizzy a rimettere in discussione i suoi obiettivi.

«Ti voglio, Liz.» Gli occhi di Colin si posarono sulle sue labbra, guardandole come se volesse divorarle. «Desideri quello che non puoi avere.»

A seguito dei consigli e della presenza di Gavin, suo migliore amico, la ragazza finirà di lottare contro se stessa e le sue paure, e deciderà di lasciarsi andare a quel sentimento che la spinge con così tanta prepotenza verso Colin. Finalmente la passione tra i due ha modo di esprimersi al meglio: la coppia Lizzy-Colin, quando è insieme, sprigiona davvero scintille.

«Concentriamoci sulle cose serie, Colin.» «Tu sei una cosa seria per me», ringhiò Colin.

Ma la felicità è di breve durata perché il capitano deve partire per la Colombia, per mettersi sulle tracce della gemella, ostaggio del Cartello della droga.

È proprio durante l’assenza dell’uomo di cui aveva cominciato a innamorarsi, che Lizzy viene posta di fronte a una ulteriore prova di forza: staccare la spina del padre che, a seguito di un incidente avvenuto molti anni prima, si trova in coma. Ma questo grande dolore, e soprattutto la scoperta di un testamento morale lasciatole dal padre, porterà la nostra protagonista ad aprire gli occhi e a comprendere che quello che prova per Colin è amore vero.

«Non sempre buttarsi significa affondare, Lizzy. Molto spesso è invece l’unico modo che abbiamo per salvarci

Lizzy sentiva Colin ovunque: nel suo cuore, nell’anima e dentro al suo corpo. Sembrava tutto così intenso che ne ebbe quasi paura.

Alla fine della storia, tutti i tasselli sembrano andare al proprio posto per la nostra adorata coppia, ma un colpo di scena vi lascerà senza parole.

Una storia “american style”, che ho letto davvero con molto piacere. Scorrevole, frizzante, divertente e appassionante. Pur nella sua brevità, ci troviamo di fronte ad uno scritto completo, che appaga completamente. L’alchimia tra la coppia Colin-Lizzy, che le autrici sono state maestre nel descrivere, è qualcosa che rimane nel cuore e lo fa palpitare. Vivace e passionale, il rapporto tra due, riempie la scena, lasciando, però, anche il giusto spazio ai personaggi di contorno. Figure come Joe e Gavin, infatti, che danno un valore al sentimento amicizia, sono davvero da apprezzare. Un altro aspetto che mi è piaciuto, è il modo in cui è stato trattato il rapporto padre-figlia. La paura di Lizzy nel lasciarsi andare, quasi un gesto scaramantico dettato dalla riprova che tutte le persone a cui in passato si era affezionata l’abbiano, in seguito, lasciata. Ho trovato molto commovente il fatto che sia stato proprio l’ultimo saluto al padre a dare la forza alla protagonista, un passaggio di testimone invisibile tra due anime che non possono più esprimersi a gesti o parole, ma solo attraverso l’amore, ancora ben presente e vivo, nonostante le difficoltà oggettive.

Sentimenti positivi, avventura e passione la fanno da padrone in questo secondo volume della saga, che sicuramente saprà far innamorare anche voi lettori.

Curcuma