Cercami di nuovo

Though love

Ultimate #3

Lori Foster

Harper&Collins

Vanity Baker ama giocare pulito, ma ci sono certe partite per cui è lecito un po’ di gioco sporco. Lei desidera l’esperto di arti marziali Stack “The Wolf” Hannigan dal primo momento in cui lo ha adocchiato. Ma lui preferisce combattere con altri tipi di avversari e rifugge qualunque parvenza di impegno che si leghi a una donna. Per questo Vanity progetta un piano: un incontro casuale, breve e mozzafiato, per poi darsi alla macchia. La sua idea funziona deliziosamente bene tanto che Stack non può fare a meno di cercarla di nuovo. Quando finalmente la loro relazione inizia a spiccare il volo, però, il passato dell’uomo si riaffaccia drammaticamente.

Fin da giovanissimo lui ha imparato che legarsi a qualcuno porta solo dolore, ma con Vanity ha deciso di fare uno strappo alla regola. La vuole, ma la sua famiglia torna a farsi viva minacciando tutto quello che ora conta per lui, Vanity inclusa. Lui non vuole perderla, deve proteggerla a tutti i costi anche se questo significa andare al tappeto per lei.

*****

Terzo appuntamento con la serie sexy, divertente e romantica di Lori Foster.

Abbiamo ormai imparato a conoscere i personaggi della Ultimate: Connor e Yvette di Io ti proteggerò, Denver e Cherry di Stringimi ancora, e tutti i loro compagni.

IO TI PROTEGGERÒ No Limits (Ultimate #1) Lori Foster: guerrieri, non principi

‘Stringimi forte’ – Holding strong di Lori Foster. Recensione

Amici e lottatori che rendono speciale, unico, “il centro “cioè la palestra e il punto di ritrovo, aggregazione e di recupero per ragazzi in difficoltà, di Cannon Colter a Warfield, Ohio. Cannon, il campione di MMA (disciplina sportiva di arti marziali miste), cuore generoso e corpo da pensieri peccaminosi, innamoratissimo della sua Yvette finalmente sua sposa, paterno e protettivo con i suoi “ragazzi” come non mai. Denver leale e generoso, appassionato e testardo e poi…Stack.

Cercami di nuovo ci riporta ad un momento speciale per la vita di questi ragazzoni: il matrimonio di Cannon e Yvette, un evento per questo gruppo di amici, una sorta di famiglia allargata dove il mutuo soccorso è una legge anzi LA REGOLA da rispettare.

Conosciamo Stack, uno dei lottatori MMA del centro, personaggio sempre presente ma rimasto in parte defilato, IL LUPO.

E Vanity, che è la migliore amica della sposa e da subito ha catturato la nostra attenzione per la sua bellezza, per la sua sicurezza e pragmatismo. Una donna che ha abbandonato le spiagge californiane per trovare la sua casa a Warfield. Sembra infatti una donna che sa esattamente quello che vuole, una donna moderna  indipendente…

«Ma il gioco finisce stasera.» «Giocare mi piace.» E con un po’ di fortuna, avrebbe avuto molte ore per giocare con il suo corpo nudo. «Lo so. Ora però è il mio turno.» E accostando le labbra al suo orecchio, Stack sussurrò: «Sarà bellissimo giocare con te».

E ci ha spiazzato proprio facendo una proposta incredibile al bel lottatore: una notte di sesso, solo incredibile  sesso

«Mi piace come freme la tua bocca quando sorridi. Un angolo si solleva come se tu cercassi di restare imperturbabile, senza però riuscirci.» Una descrizione adeguata, almeno quando lui le stava vicino. Perché la rendeva felice e amava parlare con lui, ridere con lui, guardarlo. Amava averlo accanto. Avrebbe potuto innamorarsene se solo lui gliene avesse data la possibilità.

Vanity era un maledetto cronometro che aveva stabilito il loro tempo insieme…Vanity aspirava al controllo, ma era lui ad aver bisogno di quel controllo

Ma c’è molto di più e una notte non sarà abbastanza, perché da subito l’ alchimia tra i due protagonisti va ben oltre la pura attrazione fisica. La loro intimità è fondata su una complicità e una curiosità speciale, infatti i due protagonisti da subito sentono di avere qualcosa che li lega intimamente, quasi un senso di appartenenza.

Si piacciono, si rispettano, si stimano e sono confusi dalla naturalezza del loro rapporto, da quando sia spontaneo e bello stare insieme. Fidarsi.

Vanity quindi sembra avere un piano ma in realtà il suo trasferimento in città e il suo inserimento in questa famiglia allargata nascondono cicatrici e ferite profonde, bisogni e desideri primari, innanzitutto quello di essere amata

«Stai giocando col fuoco, lo sai, vero?» «Sto giocando con te, Stack Hannigan, ed è il gioco più divertente che abbia fatto da non so quanto tempo.»

Un amore difficile, come suggerisce il titolo originale, l’amore tuttavia -quello vero- è una conquista e una sfida. Con le sue regole, i suoi tempi, perché si incassa e si affonda, si scarta e poi si abbassa la guardia. Fino ad andare knock out. Stack e Vanity, messi a tappeto dalla fortissima attrazione, affronteranno round di pura sensualità ma si troveranno coinvolti sempre di più nella vita l’uno dell’altra, impegnati a conoscerci e sostenersi, in un crescendo emotivo.

Si troverà quindi catapultata all’interno della realtà del centro e delle vicende della famiglia spassosa e strampalata del nostro protagonista, in situazioni che si distinguono per la notevole caratterizzazione dei personaggi secondari. Tutti i romanzi di questa serie hanno un carattere corale e tutte le figure interagiscono in modo impeccabile, dando sempre una spinta alla serie, non fosse altro che per la curiosità di scoprire ogni mondo che si nasconde dietro ogni lottatore, che è unico e speciale nella sua peculiarità.

Ok. Vi ho detto che sono sexy? Ma TANTO sexy.

Senza tralasciare una generosa dose di testosterone (che gratificherà tutte noi in pagine estremamente roventi) ci sono elementi di romanticismo e sentimento gradevolissimi. La protagonista è speciale perché è indipendente e generosa, bellissima ma anche naturale e spontanea, di una dolcezza sorprendente. Stack è irresistibile nel suo machismo tenero ma mostra il suo senso di responsabilità e di dovere con atteggiamenti talmente protettivi da risultare disarmanti.

Le emozioni e gli affetti sono quello che contano, infatti tutta la storia ruota intorno al senso di famiglia: famiglia perduta, famiglia in difficoltà e famiglia allargata. Famiglie da difendere, proteggere e costruire.

Si conferma come punto di forza l’ambientazione, l’atmosfera di cameratismo ad alto tasso di testosterone dei Fighters. Ogni lottatore ha un suo fascino, una notevole carica di erotismo e di magnetismo, a partire dal protagonista che incarna il perfetto mix tra grazia e potenza, il carisma degli atleti e dei combattenti. Uomini che hanno senso dell’onore, lottano per vincere e superare i propri limiti, che sanno usare la forza con giustizia. Il loro istinto di protezione è irresistibile… perciò immaginate che cosa vuol dire averli tutti in un centro di allenamento mentre con un sorriso impudente e tono canzonatorio scherzano tra di loro in modo fraterno!?

Soprattutto ritroveremo il calore di tutto il gruppo di lottatori, presenti come una famiglia di adozione, travolgente nella resa di ogni singolo personaggio -personalmente adoro l’edonista sfacciato impudente Armie pieno di irresistibili ombre dietro la facciata scanzonata- del gruppo di Cannon. Cuore, tanto cuore, muscoli guizzanti disciplina, generosità e senso dell’onore. E Lennie??? Una menzione ad honorem a questa new entry sfuggente, misteriosa eppure magnetica.

L’autrice come nella serie Cover di cui questa è uno spin off (abbiamo ritrovato già dal primo volume il tenente Margaret con sua figlia e Dash, Rowdy ecc.) ha una incredibile capacità nella caratterizzazione dei protagonisti e dei personaggi maschili creando un mix decisamente attraente di verità e di sensibilità, dolcezza e forza.

Ed ora, aspettiamo TUTTE la storia dell’edonista scanzonato Armie e Rissy tuttagambe!!

Saffron

 

PS: special guest gli ADORABILI Maggie e Norwood…