“IRON FLOWERS – REGINA DI CENERE” 

Se fosse un film?

Salve Dame! Harem’s Book prende parte al Blog-Tour dedicato a “Iron Flowers – Regina di Cenere”, di Tracy Banghart e io ho il piacere di occuparmi della tappa “Se fosse un film”.

Curiose, eh? E allora prendete bibite e popcorn e seguitemi in sala, inizia la proiezione!

TITOLO: IRON FLOWERS – REGINA DI CENERE

AUTORE: Tracy Banghart 

EDITORE: DeA Planeta Libri

GENERE: Fantasy Young Adult

DATA DI PUBBLICAZIONE: 10 Settembre 2019

PREZZO: € 7,99 (ebook) – € 13,60 (copertina rigida)

LA SERIE:

Iron Flowers – data di pubblicazione: 25/05/2018 – recensione Iron Flowers
Iron flowers – Regina di cenere

 

Se c’è una cosa che Nomi ha imparato durante il suo inaspettato anno a corte come Grazia è che non bisogna arrendersi mai. Nemmeno quando tutto sembra perduto. Nemmeno quando Malachi, l’uomo che ama più di se stessa e legittimo erede al trono, viene spodestato dal fratello minore e bandito dal regno. Armata di coraggio, Nomi conduce Malachi nell’impenetrabile prigione di Monte Rovina. È convinta che l’unica persona al mondo che possa aiutarli sia sua sorella, Serina. Ma quando Malachi e Nomi arrivano alla prigione, non trovano ad aspettarli le donne vinte e ferite che hanno sempre immaginato. Perché le prigioniere di Monte Rovina si sono ribellate: alle loro ingiuste condanne, al loro ingiusto destino di donne. E Serina, la dolce, remissiva Serina, è il capo della rivolta. Il dolore, la violenza e la sofferenza hanno cambiato sia Nomi sia Serina, eppure le sorelle sono pronte a combattere fianco a fianco. Per liberarsi dell’usurpatore e per ristabilire la giustizia – e l’uguaglianza – in tutto il regno.

Già per la pubblicazione del primo volume della dilogia, abbiamo dovuto occuparci della medesima tappa, quindi ho avuto mille dubbi su come impostare queste mie parole, su come immaginareuna scenografia e una fotografia diverse da quelle proposte mesi fa.

 

TAPPA BLOG TOUR “SE FOSSE UN FILM” – “IRON FLOWERS” – Tracy Banghart

 

Il problema, però, è che le ambientazioni e i personaggi sono i medesimi; non si tratta, ad esempio, di due autoconclusivi che però fanno parte della stessa serie, come a volte succede con i libri scritti sui personaggi secondari. Qui abbiamo gli stessi protagonisti che si muovono negli stessi scenari.

Quindi, cosa cambia dal primo al secondo volume? Ho posto questa domanda a me stessa per molto tempo, per poi arrivare all’illuminazione: cambia il modo in cui Nomi, Serina e Malachisi muovono a palazzo o su Monte Rovina. Cambia il modo in cui i loro occhi scrutano le ambientazioni che la Banghart dipinge intorno a loro.

Se nel primo libro avevamo timore nel caso di Serina o riverenza in quello di Nomi, ora le sensazioni sono completamente diverse: Serina comanda, serina gestisce, Serina non ha più timore di sporcarsi le unghie. Serina vive e fa sua l’isola vulcanica, plasmandola al suo volere.

Nomi, di contro, passa da un ambiente all’altro senza distinzione, senza più sentirsi un uccellino caduto dal nido alla mercé di qualche gatto.

Nomi è sicura di sé, di ciò che deve fare per porre fine ai suoi drammi esistenziali e lo fa senza badare agli stucchi veneziani o ai topi che incontrerà nelle fogne.

Il doppio Pov, già presente nel primo volume, ci rimanda le sensazioni di entrambe le sorelle e, mentre nel libro precedente era palese il loro sconcerto davanti alla miseria o la loro ammirazione al cospetto dell’opulenza, qui abbiamo quasi immagini distopichedi scenari surreali.

Le descrizioni ambientali e quelle relative alla caratterizzazione fisica dei personaggi scemano a favore di ampi paragrafi dedicati all’emotività e alle sensazioni percepite dalle due sorelle o degli episodi che si inanellano sul loro cammino.

A conclusione, direi che, se dovessi trasporre sul maxischermo questa seconda parte della storia, immaginerei un bel film distopico carico di azione ma al contempo di momenti di interiorità, in cui la fotografia dovrebbe cogliere l’importanza di un’occhiata data al momento giusto. Sarebbe un bellissimo film adrenalinico, di quelli in cui le scene mozzafiato arrivano nei momenti più impensati.

Spero di aver soddisfatto la vostra curiosità!

A presto,

Laura

Avete tempo ancora per partecipare al giveaway e…a presto con la nostra recensione!

Regole:
Metter mi piace alla pagina Dea Young Adult
Commentare le tappe
Commentare le recensioni

 

a Rafflecopter giveaway